domenica , 17 febbraio 2019
Home » Polis » Economia » Teramo, Comune/Camera di Commercio impulso al piano di marketing urbano

Teramo, Comune/Camera di Commercio impulso al piano di marketing urbano

Teramo – Dopo il primo incontro dello scorso 12 Ottobre, nel corso del quale venne ribadita la comune volontà di attivare azioni volte a favorire una concreta ripresa della attività commerciali e artigianali, questa mattina l’amministrazione comunale e la Camera di Commercio, sono tornate a confrontarsi, con particolare riferimento al progetto di un nuovo piano del marketing urbano. Così, nella sede dell’ente camerale, il Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto e l’assessore al commercio Antonio Filipponi hanno incontrato il Presidente della Camera di Commercio Gloriano Lanciotti, il Segretario Generale dott. Giampiero Nardi e il  dott. Salvatore Florimbi.

L’incontro ha di fatto costituito il primo passo attuativo di quanto sancito nella riunione del mese scorso, quando furono poste le basi per avviare forme di collaborazione fondate sulla condivisione di programmi, iniziative, proposte da tradurre in impulsi sia alla rinascita del commercio e delle attività produttive sia alla rifioritura della vitalità urbana.

SI è trattato quindi di un confronto  dal quale sono emerse precise indicazioni operative. Innanzitutto quella di ampliare il coinvolgimento agli ordini professionali; quindi di recuperare un piano marketing  già esistente ma mai applicato, modificandolo e armonizzandolo con le nuove situazioni, ma puntando sostanzialmente ad una progettualità che implichi sia il versante dell’offerta di manifestazioni sia quello della riqualificazione urbana.

Il gruppo di lavoro, mai costituito prima d’ora, potrà fungere da nucleo aggregativo per organismi quali le associazioni di categoria e l’Università; anche per giungere alla predisposizione di un nuovo Piano Urbano del Commercio.

Sindaco e Presidente della Camera di Commercio rimarcano il valore fattuale di tale confronto, sottolineando come il contatto iniziale nel quale sono state gettate le premesse per svolgere una attività di reale intervento, abbia ora trovato una prima applicazione operativa che si svilupperà con cadenza periodica e misurabile.

Guarda anche

Fatturazione elettronica: Confprofessioni Abruzzo contraria “potrà incentivare l’evasione fiscale”

Pescara - L’Italia è l’unico o quasi Paese europeo che ha fatto ricorso alla fattura elettronica. Anzi, è stato il primo Paese a chiedere alla UE di potersi avvalere di questo sistema, asserendo che in tal modo si potrà meglio combattere la lotta contro l’evasione fiscale. In realtà questo è ancora tutto da dimostrare e Confprofessioni Abruzzo ribadisce la sua ferma contrarietà alla  fatturazione elettronica, sottolineando le mille difficoltà che essa comporterà per i professionisti abruzzesi e tante altre categorie di cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + quattordici =