martedì , 25 giugno 2019
Home » Culture » Eventi » Sulmona: Vanessa Gravina, Edoardo Siravo in ‘Preghiera a Maria’ di Davide Cavuti

Sulmona: Vanessa Gravina, Edoardo Siravo in ‘Preghiera a Maria’ di Davide Cavuti

Sulmona. Domenica 9 giugno alle ore 21,00 (ingresso libero) presso il suggestivo scenario della Chiesa della SS.Annunziata di Sulmona si terrà il recital poetico-musicale “Preghiera a Maria”, di Davide Cavuti interpretato dagli attori Vanessa Gravina ed Edoardo Siravo, organizzato dalla Diocesi di Sulmona-Valva. Il recital è un viaggio attraverso gli autori più importanti del Novecento …

Sulmona. Domenica 9 giugno alle ore 21,00 (ingresso libero) presso il suggestivo scenario della Chiesa della SS.Annunziata di Sulmona si terrà il recital poetico-musicale “Preghiera a Maria”, di Davide Cavuti interpretato dagli attori Vanessa Gravina ed Edoardo Siravo, organizzato dalla Diocesi di Sulmona-Valva.
Il recital è un viaggio attraverso gli autori più importanti del Novecento che hanno descritto la figura della “madre”: da Gabriele D’Annunzio ad Ungaretti, da Dante a Madre Teresa di Calcutta, da Mario Luzi a Pasolini fino alla “Preghiera di Celestino” (Dal Codice Celestiniano “Oratio ad Beatam Mariam”) con la quale si apre il recital omaggio alla figura di Maria.
Le musiche originali sono del maestro Davide Cavuti, compositore cinematografico e teatrale per registi quali Michele Placido, Lino Guanciale, Edoardo Leo, Pasquale Squitieri, Giorgio Albertazzi: i temi musicali originali saranno da commento alle “Parole a Maria” accanto all’esecuzioni di alcuni brani sacri interpretati dall’Ensemble di Cavuti che vedrà la partecipazione del chitarrista Martin Diaz e della pianista di Sabrina Cardone.
Edoardo Siravo, attore e regista, è stato regista degli spettacoli teatrali “Voieurs”, di G. Amendola, di “Shakepiriana”, con Michele Placido, de “Le Regine”, con Ivana Monti, “Le Troiane”, di Seneca, con Anna Teresa Rossini, di “Albertine”, di Alma Daddario.
Per quanto riguarda le Regie Liriche, ha curato, nel 2003, la regia di “Macbeth” di Giuseppe Verdi, con Marzio Giossi e Anna Valdetarra, per il Comunale di Vercelli e per la stagione teatrale di Nichelino e nel 2004 “Simon Boccanegra”, per Vercelli, Cuneo e Nichelino. Per il Teatro Consorziale di Budrio, ha curato la regia di “Rigoletto” di Giuseppe Verdi, con Marzio Giossi e Fernanda Costa. Ha inoltre collaborato con l’Orchestra Filarmonica di Torino e dal 2004, con il M° Gabriele Bonolis, come voce recitante in numerosi concerti, tra cui “Pierino e il lupo” di Prokofiev e Egmund di L. V. Beehtoven. Al Festival Internazionale di Casablanca consegue il premio per la migliore regia e tre premi per i suoi allievi attori. Svolge inoltre intensa attività di doppiatore ed ha prestato la sua voce, tra gli altri, a G. Depardieu, C. Reewe, P. Veller, M. Keaton, P. Fonda, J. Irons, K. Richards e Koji Yakusho. Nel 2007 ha conseguito l’incarico di Direttore Artistico del Festival del Teatro dei due Mari a Taormina. Ha debuttato a novembre 2014 con “Aspettando Godot” a Milano per la regia di Maurizio Scaparro.
Nel 2017 ha ricevuto il “Premio Flaiano” come migliore attore protagonista per l’interpretazione del Maestro Alessandro Cicognini nel film-documentario “Un’avventura romantica” di Davide Cavuti presentato al “Festival del Cinema di Venezia” 2016.
Vanessa Gravina, all’età di dieci anni esordisce al cinema con “Colpo di Fulmine”, regia di Marco Risi, Nastro d’Argento come miglior attrice protagonista esordiente. L’anno dopo gira, per Alberto Lattuada, “I due fratelli”. Seguono “Maramao”, esordio alla regia di Giovanni Veronesi.
Inizia la stagione televisiva con “La voglia di vincere”, di Vittorio Sindoni, con Gianni Morandi, e “Don Tonino”, di Fosco Gasperi, commedia seriale con Gigi e Andrea. Di nuovo il cinema con “32 Dicembre”, regia di Luciano De Crescenzo, con Marina Confalone, Renato Scarpa, Enzo Cannavale. Poi “Sentimental”, rivista musicale per RAI 3, di Enzo Muzzi. Di nuovo in televisione con “La piovra 4” e “La piovra 5”, per la regia di Luigi Perelli.
E’ di nuovo in televisione con serial di grande successo popolare, quali “I coccodrilli”, di Josè Maria Sanchez, “Incantesimo”, “Sospetti 3” di Luigi Perelli, “Gente di mare” di Vittorio de Sisti e “Pompei, ieri, oggi, domani”, regia di Paolo Poeti. Ancora cinema con Emidio Greco, in “L’uomo privato” e “Aria”, opera prima di Giorgio Arcelli Fontana. Infine a teatro interpreta Giulia, nel dramma di August Strindberg “La signorina Giulia”, regia di Armando Pugliese, con Edoardo Siravo, “Le troiane”, regia di Livio Galassi, con Erica Blanc e Edoardo Siravo. Per lo Stabile di Messina, sotto la direzione di Walter Manfrè, è “Agata”, dramma di Rocco Familiari. E’ Ersilia Drei in “Vestire gli ignudi”, di Luigi Pirandello, con Gigi Diberti, per la regia di Walter Manfrè.
È Claudia Procula in “Pilato sempre”, di Giorgio Albertazzi, per la regia di Armando Pugliese.
È Annabella in “Peccato che sia una sgualdrina”, di John Ford, regia di Federica Restani.
Interpreta Clitemnestra nell’Orestea di Eschilo ed è protagonista a teatro nelle opere “Nella città l’inferno”, dramma di Suso Cecchi d’Amico, per la regia di Francesco Tavassi e Dacia Maraini, e “Rudens”, di Plauto, per la regia di Walter Manfrè.
Davide Cavuti, laureato in ingegneria elettrica all’Università degli Studi dell’Aquila, è attivo come compositore di musiche cinematografiche e teatrali per molti registi. Forte il sodalizio con Michele Placido con cui ha debuttato al cinema come compositore del brano “Il Grido” per la colonna sonora del film “Il grande sogno” (2009) e successivamente per i film “Vallanzasca – glia ngeli del male”, “Itaker”, “Un’avventura romantica” e al teatro per le musiche di “Così è, se vi pare”, “Prima che il sogno”, “I fatti di Fontamara”, “Serata d’onore” con Giorgio Albertazzi, e “Sciuscià e altre storie”. Ha scritto anche per attori quali Lino Guanciale, Giorgio Pasotti, Ugo Pagliai, e per i compianti maestri Giorgio Albertazzi e Pasquale Squitieri. Vanta collaborazioni con Ennio Morricone, Luis Enriquez Bacalov e Nicola Piovani. Nel 2014 compone per il film “L’altro Adamo” di Pasquale Squitieri. Ha collaborato con i più grandi attori del cinema e del teatro italiano e vanta inoltre collaborazioni con i cantanti Katia Ricciarelli, Antonella Ruggiero, Grazia Di Michele, Paola Turci, Iva Zanicchi. Con il film-documentario “Un’avventura romantica” sulla vita di Alessandro Cicognini, presentato al 73esimo “Festival del Cinema di Venezia”, ha vinto il “Premio Flaiano” per la regia. Nel 2017 torna al “Festival del Cinema di Venezia” con un suo documentario “Preghiera” dedicato alle popolazioni colpite dal sisma dell’Aquila e del Centro Italia, vincendo uno “Special Award” al “Festival del Cinema di Izmit in Turchia”. È direttore del “Centro Studi Nazionale Alessandro Cicognini”, istituzione che studia la musica applicata alle immagini. Dal 2018 è direttore della “Società Italiana della Scienza e dell’Ingegneria” e docente del corso professionalizzante di “Ingegneria del miglioramento continuo” all’Università degli Studi dell’Aquila.

Guarda anche

Ripa Teatina, tutto pronto per la XV edizione Festival Premio Rocky Marciano

Ripa Teatina. Ripa Teatina è pronta a tornare di nuovo il "Borgo dei Campioni". Manca poco, pochissimo ormai alla nuova edizione del Festival Rocky Marciano, giunto nel 2019 alla quindicesima edizione. Dal 1 al 7 luglio Ripa torna alla ribalta delle cronache nazionali con un ricco calendario di eventi di sport, cultura e solidarietà proposto dal Comune con la collaborazione della Pro Loco e con la supervisione del Direttore Artistico Dario Ricci. L'evento, che avrà una fondamentale appendice il 31 agosto con le celebrazioni istituzionali del cinquantesimo anniversario della morte di Marciano, rappresenta uno straordinario volano di promozione del territorio e delle sue eccellenze, come confermato dal successo delle scorse edizioni e dal numero di visitatori fatto registrare in occasione dei vari appuntamenti organizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 5 =