lunedì , 13 luglio 2020
Home » Polis » Economia » A14, APPROVATA LA RISOLUZIONE DI SMARGIASSI: “ PRIORITÀ SALVAGUARDIA SICUREZZA E SALUTE CITTADINI”
Pietro Smargiassi

A14, APPROVATA LA RISOLUZIONE DI SMARGIASSI: “ PRIORITÀ SALVAGUARDIA SICUREZZA E SALUTE CITTADINI”

Pescara – Nel corso del Consiglio regionale di oggi 28 gennaio, è stata approvata all’unanimità la risoluzione del Consigliere regionale M5S Pietro Smargiassi riguardante le criticità che si vivono sul tratto autostradale della A14 Vasto Sud – Val Vibrata.

“Si tratta di un documento – commenta Smargiassi – che abbiamo scritto quattro mesi fa, ma che è stato calendarizzato solamente adesso. Già allora, infatti, ci eravamo interessati alla questione, conoscendo le costanti difficoltà che sul quel tratto si vivono ormai da mesi. Il sequestro del Viadotto Cerrano ha acuito ulteriormente i disagi, con i mezzi pesanti deviati sulla SS16 e i conseguenti disagi che, purtroppo, si vivono da settimane. Oggi il Presidente Marsilio ha riferito che dal Ministero è partita un’informativa, al vaglio della Procura di Avellino, affinché l’area venga dissequestrata e i tir possano tornare a viaggiare”.“Il nostro unico interesse è sempre stata la sicurezza e l’incolumità dei cittadini. Lo scrivevamo, nero su bianco, già il 3 ottobre scorso. Mi auguro che la maggioranza non ne abbia fatta una questione politica, presentando in fretta e furia una risoluzione discussa nella seduta del Consiglio”.

“Il MoVimento 5 Stelle – conclude – continuerà a tenere alta l’attenzione affinché niente venga lasciato al caso. Aspettiamo i prossimi giorni per capire se il Viadotto Cerrano sarà considerato sicuro, altrimenti dovrà essere cercata una nuova risposta, come la richiesta di stato di emergenza al governo nazionale. Sicuramente la soluzione definitiva non può essere il proseguimento del transito dei tir sulla Statale 16”.

Guarda anche

Attività di ristorazione, la Cna: a Pescara orari anacronistici, ordinanza da cambiare

Salce: dopo mesi di chiusura si rischia solo di infliggere un altro colpo a operatori …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 15 =