martedì , 18 Maggio 2021

Ortona, l’opposizione chiede al sindaco di emanare ordinanze per limitare le uscite

Le forze di opposizione chiedono divieto di attività motorie all’aperto,
passeggiate con animali entro raggio di 500 metri da casa e altre misure di prevenzione

 

Ortona – «Con l’aumento dei casi di contagio da Covid-19 e considerati i numeri preoccupanti di Ortona, siamo convinti sia necessario ridurre ulteriormente gli spostamenti all’interno della nostra Città. In qualità di Consiglieri comunali sentiamo pertanto il dovere di invitare il Sindaco di Ortona ad adottare, così come hanno fatto molti altri Sindaci del nostro territorio, ulteriori misure per la prevenzione del rischio da contagio» così in una nota congiunta i consiglieri di opposizione ad Ortona, Emore Cauti, Angelo Di Nardo, Giorgio Marchegiano, Laura Iubatti, Peppino Polidori e Simonetta Schiazza rivolgono la loro proposta al primo cittadino.

I consiglieri si dicono consapevoli della severità della misura, ma ritengono in questo momento opportuno vietare nel territorio comunale lo svolgimento di attività motorie e sportive all’aperto; propongono inoltre che dovrà essere vietato di allontanarsi oltre il raggio di 500 metri dalla propria abitazione durante le passeggiate con gli animali d’affezione.

«I titolari delle attività commerciali, –aggiungono i consiglieri– al fine di evitare assembramenti, dovranno obbligatoriamente organizzare l’accesso ai locali con modalità contingentate e il personale impiegato nelle attività a contatto con il pubblico dovrà essere protetto con appositi DPI (Dispositivi di protezione individuale).
Infine la cittadinanza dovrà essere tenuta ad effettuare l’approvvigionamento alimentare e quello relativo ai beni di prima necessità con modalità che privilegino l’immediata vicinanza rispetto all’abitazione, la riduzione al minimo delle uscite e, ove disponibile, la consegna a domicilio dei beni: dovrà essere applicato, in ogni caso, il principio di percorrere il tragitto più breve per raggiungere il luogo di destinazione».

L’opposizione giustifica queste misure, più stringenti rispetto a quelle previste a livello nazionale, come necessarie in considerazione del numero crescente di casi di Covid-19 che ha colpito la Città.

«Siamo convinti –concludono– che con regole chiare e con i necessari controlli riusciremo ad invertire questa tendenza. Il nostro auspicio è che il Sindaco accolga la nostra proposta ed emani un’ordinanza in tal senso».

Guarda anche

Coronavirus: in Abruzzo oggi 144 nuovi casi, 2 i decessi -dati aggiornati al 14 maggio

Pescara – Sono complessivamente 73030* i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + 19 =