venerdì , 23 Ottobre 2020

ACERBO (PRC-SE): FERMARE LA STRAGE DI ANZIANI NELLE RSA, EVITARE CHE SI RIPETA OVUNQUE CASO LOMBARDIA

«In Lombardia i pazienti delle RSA “muoiono come mosche” a causa del coronavirus ma soprattutto della disattenzione e della disorganizzazione della Regione Lombardia. Si tratta di un’emergenza nazionale.Lo diciamo da giorni che bisogna intervenire per porre fine a questa strage e occorre farlo non solo in Lombardia perchè in tutte le regioni il rischio è alto e la sciagurata regionalizzazione della sanità non consente un’azione coordinata in tutto il paese» Così il segretario nazionale Rifondazione Comunista – Sinistra Europea Maurizio Acerbo.

Rifondazione Comunista incalza  Acerbo, chiede a presidenti e giunte regionali di predisporre immediatamente misure indispensabili per salvare le vite dei nostri anziani e tutelare anche la salute degli operatori e dei familiari.

Chiediamo che in ogni RSA

  • venga fatto il doppio tampone agli ospiti e a tutto il personale,
  • sia attuato un piano immediato di isolamento dei contagiati e di verifica dei loro contatti,
  • sia fornito materiale protettivo professionale e sufficiente per la tutela del personale,
  • sia garantita ai malati di corona-virus con sintomi lievi il trattamento con i farmaci antivirali e gli altri interventi necessari,
  • si trovino immediatamente i letti in ospedale, anche requisendocliniche privateper chi deve essere ricoverato/a in terapia intensiva.

 

Guarda anche

Coronavirus: in Abruzzo 306 nuovi casi (età compresa tra 7 mesi e 94 anni), un decesso a Pescara – dati aggiornati al 22 ottobre

Casi positivi a 7091* (+306 su 3149 tamponi) Pescara – Sono complessivamente 7091 i casi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 15 =