mercoledì , 8 luglio 2020
Home » Polis » Aziende » Centri di revisione, la CNA: blocco delle revisioni, la Provincia di Pescara rimuova la stop

Centri di revisione, la CNA: blocco delle revisioni, la Provincia di Pescara rimuova la stop

PESCARA – Gli autoriparatori autorizzati alle revisioni associati alla CNA di Pescara denunciano la sospensione delle attività di revisione decisa dal settore Trasporti della Provincia, che lo scorso 7 aprile, attraverso una comunicazione trasmetta con posta elettronica certificata ha intimato lo stop a tutte le operazioni relative alla revisione dei mezzi. E chiedono «di annullare questa decisione, che in questo momento di particolare gravità per la vita del Paese altro non fa se non aggiungere insicurezza, disorientamento e rappresentare un ostacolo alla ripartenza economica delle imprese».

«Una decisione anomala ed ingiustificata – attacca la CNA – in quanto nelle altre province abruzzesi le operazioni di revisione nelle officine autorizzate continuano regolarmente, ovviamente nel rigido rispetto dei protocolli per la sicurezza degli operatori». «E’ una decisione – aggiunge la nota – tanto più incomprensibile in quanto, oltre ad essere una delle pochissime fonti di sostentamento ancora possibili per una categoria che come tante altre sta vivendo giorni drammatici, la revisione periodici dell’automobile, è garanzia di sicurezza per l’automobilista. Spostarsi con un mezzo non revisionato – e quindi insicuro – espone l’automobilista e la collettività intera ad un rischio ben maggiore rispetto a quello previsto dalla procedura di revisione del veicolo, operazione per cui le imprese vengono autorizzate solo dopo una serie di rigidi passaggi burocratici ed importanti investimenti economici».

In tutti i DPCM emanati, inoltre, le officine di autoriparazione e centri di revisione sono sempre stati ricompresi tra le attività non soggette a restrizioni, perché ritenuti servizi di pubblica utilità. A seguito della proroga al 31 ottobre delle revisioni in scadenza fino al 31 luglio, alcune istituzioni locali sono andate oltre le intenzioni del legislatore, che sono sicuramente quelle di limitare la mobilità delle persone allo stretto necessario, ma non certo chiudere le attività. Lo stop imposto dalla Provincia di Pescara, sempre a detta della CNA, contiene anche un paradosso: è infatti sufficiente recarsi in un’officina di Silvi Marina, di Sambuceto o di Francavilla al Mare per revisionare il mezzo, dato che le altre province abruzzesi – così come la maggior parte di quelle italiane, specialmente nel nord Italia – non hanno disposto alcun provvedimento restrittivo.

Guarda anche

Agriturismo in Abruzzo, pubblicato il bando

L’Aquila –  E’ stato pubblicato il bando pubblico per l’attivazione dell’intervento 6.4.1 “Sostegno a investimenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 5 =