sabato , 19 Settembre 2020

VOCI PER IL NO. DOMANI GIOVEDÌ 17 SETTEMBRE ORE 18 A PESCARA PIAZZA SALOTTO CON ‘NDUCCIO, LA SENATRICE PAOLA NUGNES E IL DEPUTATO ANDREA COLLETTI

Pescara – Prosegue in Abruzzo la campagna referendaria per il NO al taglio del Parlamento in vista del referendum costituzionale del 20 e 21 settembre. L’appuntamento è domani giovedì 17 settembre alle ore 18 in Piazza Salotto. Sono previsti tra gli altri l’intervento della senatrice del gruppo misto Paola Nugnes  e il deputato Andrea Colletti del Movimento 5 stelle. Durante la serata è previsto l’intervento per il NO del cabarettista abruzzese ‘Nduccio.

Ancora una volta la Costituzione è sotto attacco. Già nel referendum del 2006 con il governo Berlusconi e nel dicembre  2016 con il Governo Renzi un’ampia maggioranza di cittadini impedì, tra le altre cose, la riduzione dei parlamentari e la liquidazione del Senato. Il prossimo 20 e 21 settembre siamo nuovamente chiamati per bloccare il taglio del Parlamento che per l’Abruzzo significa passare da 7 a 4 Senatori, da 14 a 9 Deputati. Siamo tra le regioni più penalizzate insieme ad Umbria e Basilicata.

Diminuendo il numero dei parlamentari cresce la distanza di questi dai cittadini e dal territorio. Se vincessero i Sì l’Italia scenderebbe all’ultimo posto dei 27 Stati membri dell’Unione europea nel rapporto fra deputati e abitanti. Sulla democrazia non si può risparmiare. Sono forse migliorati i servizi ai cittadini con il taglio del numero dei consiglieri regionali e comunali? Con i consiglieri provinciali non più eletti dai cittadini? Assolutamente no. È ridicolo tagliare la democrazia per un risparmio dello 0,007% del bilancio statale ovvero 1,35 euro per cittadino: poco più un caffè all’anno.

La democrazia è un bene supremo .La cattiva politica ha altre cause. A causa di leggi elettorali incostituzionali, viziate dalla logica maggioritaria che mortifica la rappresentanza della effettiva volontà politica popolare,  i parlamentari da tempo sono nominati  e non più scelti dai cittadini:  questo è il problema non il numero.

Il NO è un primo passo per evitare che il Parlamento sia ridotto da cardine della democrazia a strumento in mano ai potentati che fanno e disfano i governi, cioè ai maestri della cattiva politica.

Promuovono l’iniziativa il coordinamento regionale per la democrazia costituzionale e l’Anpi provinciale di Pescara aderisco Rete oltre il Ponte, Iamè, L’Abruzzo non si lega (sardine), Arci provinciale Pescara, Giovani Comuniste/i, Pescara Punto Zero, Coordinamento No Triv, Abruzzo Beni Comuni, Coalizione Civica per Pescara, ,Dema Pescara, Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana, + Europa, Potere al Popolo, Laici socialisti liberali radicali, Articolo1 e Giovani Democratici. 

Guarda anche

Bilancio Consuntivo a Pianella: Filippone “L’amministrazione approva con un passivo di €. 5.412.108,90″

“Dopo sette anni di cattiva gestione con gravi errori e debiti fuori bilancio, dovuti a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 5 =