martedì , 26 Gennaio 2021

Fosso Grande, Blasioli (PD) “Situazione a rischio, Regione, Comune e Provincia di Pescara non intervengono, canale completamente ostruito”

Pescara – “Fosso Grande, il canale più grande e importante per la tenuta idraulica della città è una giungla, sponde a rischio, un fosso pieno di erba, sterpaglie, alberi abbattuti e rifiuti di ogni genere: a ottobre questa è la situazione su cui né il Comune, né la Regione di centrodestra sentono l’urgenza di intervenire”, così il consigliere regionale PD Antonio Blasioli.

“Inerzia e disinteresse, malgrado nel bilancio 2019 della Regione abbiamo chiesto lo stanziamento di una cifra cospicua per eseguire opere serie e definitive che allontanassero per sempre i problemi di allagamento di cui soffre la zona, sono stati stanziati pochi spiccioli, appena 60.000 euro – denuncia Blasioli – fondi che renderanno possibile solo una piccola pulizia, che peraltro ad oggi non è ancora partita, ma che soprattutto non risolveranno la situazione, che si rimpalla ancora tra i vari enti. Stiamo parlando di una zona densamente abitata e duramente colpita nel 2013 da un’alluvione che ha causato ingentissimi danni ai cittadini, alle loro abitazioni e  alle attività economiche del quartiere.  Oggi, non sappiamo neanche se la competenza è della Provincia di Pescara, anch’essa completamente latitante, o se appartiene alla Provincia e ai due comuni di Pescara e Spoltore. 

Ma in queste condizioni il fosso non può stare. Lo sa bene il centrodestra, i cui consiglieri perché quando erano minoranza reclamavano interventi che, però, una volta divenuti classe dirigente nessuno attua e attiva. Noi invece chiediamo invece che il Genio civile regionale, che sotto l’amministrazione di centro sinistra si fece carico di 600.000,00 euro  di lavori per ripristinare le sponde e che sempre è stato disponibile, promuova un progetto serio. Magari uno scolmatore che allontani l’acqua dal fosso quando è abbondante e prende velocità, o magari delle vasche di espansione che lo rendano più capiente. Lasciamo ai tecnici l’approfondimento.

Il rischio è grande in queste condizioni, perché da fosso grande, si chiama così perché una volta era largo e aveva anche delle isole all’interno, oggi è diventato angusto, ristretto, pieno di strozzature e con recinzioni realizzate a meno di 4 metri dai bordi, oberato dalle acque reflue e tutto ciò, insieme a rifiuti e tronchi che lo soffocano, finisce per restringere il letto e non fare più da canale e freno all’acqua piovana, che acquista velocità e fa danno.

Siamo all’ultimo campanello d’allarme, lo giriamo al Presidente della Provincia di Pescara perché le istituzioni non siano latitanti e agiscano prima che i fattori di rischio che sono sotto gli occhi di tutti si trasformino in una evitabile esondazione”.

Guarda anche

WWF “la caccia in braccata non serve per contenere presenze di cinghiali né i dannni, è l’ISPRA ad affermarlo”

Il WWF: “Ora si cambi passo nella gestione venatoria”  Pescara – Nel parere richiesto dalla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + 14 =