sabato , 18 Settembre 2021

Perdite idriche a Montesilvano: Di Sante (PRC) “segnalazioni senza esito da settimane”

PERDITE IN VIA SILA, VIA TRASIMENO, VIA TRIESTE
IN CITTÀ PERDITE SOPRA IL 50%

Montesilvano – In città le perdite idriche superano il 50% secondo i dati riportati nella relazione tecnica al bilancio 2019 dell’Aca SpA, metà dell’acqua immessa nelle condutture si perde. Ammontano a oltre 3.000.000 di metri cubi di acqua potabile di sorgente quelli che ogni anno non arrivano a destinazione dopo essere stata captata, un danno ambientale ed economico enorme e drammatico.

Da mesi in piena pandemia si rincorrono gli appelli dei vertici dell’Aca al risparmio idrico, e decine di comuni e migliaia di cittadini devono sopperire alle chiusure e alle riduzioni di pressione dell’acqua potabile per diverse ora nell’arco della giornata.

«In questa situazione nonostante le ripetute segnalazioni dei residenti da settimane proseguono copiose a Montesilvano in Via Sila, Via Trasimeno e Via Trieste (di fianco Stella Maris) le perdite idriche. –Annuncia il Segretario Provinciale Partito della Rifondazione Comunista Corrado DiSante.– I cittadini sono davvero esasperati. Ha il sapore della beffa ritrovarsi senza acqua e avere davanti casa una perdita da settimane, con segnalazioni senza alcun esito. 

Una situazione che evidenzia il totale fallimento dei vertici di Aca nella gestione del servizio idrico. C’è il cambiamento climatico, non piove, ma in una decina di anni le perdite nei 64 comuni gestiti da Aca invece di diminuire  sono passate dal 40% a quasi il 60%, senza dimenticare che l’Aca è una società in concordato preventivo, che fatica a sopperire alla sua situazione debitoria e scarica sulle bollette i frutti della cattiva gestione. 

L’Aca è una Spa di cui i comuni sono soci. L’amministrazione De Martinis ha il dovere di intervenire. È necessaria una ricognizione delle perdite attive su tutto il territorio comunale, per concordare con l’Aca un cronoprogramma per le riparazioni. Inoltre da mesi la città è senza sportello Aca. È il tempo delle risposte, l’acqua è un bene essenziale, una priorità per l’oggi e per il futuro.

Siamo convinti che l’Aca da Società per Azioni debba tornare Azienda Pubblica Consortile, che servano trasparenza e partecipazione popolare nel controllo e gestione del servizio idrico. Chi ha determinato il fallimento dell’Aca negli ultimi 20 anni, chi ha riportato condanne, non può continuare a ricoprire incarichi dirigenziali. I comuni soci tra cui Montesilvano portano la responsabilità di quanto sta accadendo».

Guarda anche

Piscina comunale di Giulianova: dal Governo quasi 700.000 euro per il miglioramento

Giulianova – Dal Governo finanziamento di circa 700.000 euro per il miglioramentoAmmonta a circa 700.00 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − 7 =