venerdì , 18 Giugno 2021

PRC “In zona rossa artigianato senza ristori”

Pescara – «Governo e Regione nell’istituire la zona rossa hanno lasciato a piedi proprio quel tessuto produttivo di cui tutti a chiacchiere tessono le lodi. Artigiane/i sono esclusi dai ristori perché non sono tenuti a chiudere. Stupisce che non ci si renda conto che comunque per molti di loro il crollo delle entrate è pressoché totale. Se i clienti non possono circolare come fanno a incassare? Se un’azienda artigiana produce gioielli, maglie o borse – solo per fare degli esempi – a chi venderà? E quelli che operano in settori che sono fermi a casa del covid non sono pochi. Giustamente la CNA ha chiesto da tempo che i ristori siano dati da governo e regioni sulla base della riduzione di fatturato in modo di aiutare chi ha effettivamente bisogno di sostegno.Invitiamo la Giunta e il Consiglio regionale a prevedere una misura di sostegno straordinaria anche per artigiani e di richiedere al governo di intervenire». Così in una nota congiunta Maurizio Acerbo, segretario nazionale insieme a Marco Fars, segretario regionale del Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.

Guarda anche

Credito nell’emergenza Covid, imprese “salvate” grazie ai fondi garantiti

Lo studio di Ronci: «Le misure statali hanno compensato i minori prestiti, ma con cifre più basse …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 2 =