lunedì , 19 Aprile 2021

Agla supporta i territori d’Abruzzo con un sistema ipertecnologico

Canosa Sannita, Tollo, Orsogna, Crecchio e Poggiofiorito si affidano alla società abruzzese per implementare il turismo e la sicurezza attraverso un innovativo uso delle telecamere –

Pescara. Agla, società abruzzese all’avanguardia nel settore della Realtà Virtuale, con sede a Pescara, ha steso le basi per un accordo con i sindaci di Canosa Sannita, Tollo, Orsogna, Crecchio e Poggiofiorito per l’inizio di un progetto che mira al miglioramento dell’utilizzo delle telecamere già esistenti nei territori dei suddetti comuni. Lo scopo dell’operazione è cercare di incrementare l’offerta turistica e la sicurezza all’interno del territorio.

In questa prospettiva Agla offrirà ai Comuni, come ha già fatto con altri in tutta Italia, la possibilità di dotarsi di una infrastruttura ipertecnologica, prospettica ed innovativa, rendendo fruibile a livello mondiale la visualizzazione dei territori e della loro bellezza, in forma immersiva, coinvolgente, multisensoriale ed esperienziale, e mettendo nello stesso tempo a disposizione dei sistemi locali “i ponti” per connettere i territori e tutte le attività coinvolte nella filiera economica e turistica in maniera diretta o indiretta.

Dal lato della sicurezza sul territorio, l’infrastruttura tecnologica proposta da Agla implementerà le procedure di riconoscimento facciale e delle targhe, valorizzando ancor di più il parco telecamere esistente.

Una digitalizzazione del territorio in forma evoluta consentirà dunque un utilizzo dei contenuti anche su tutto l’universo dei mondi social. Si porterà i potenziali viaggiatori ad “immergersi” letteralmente nelle varie realtà territoriali, consentendo loro nello stesso tempo di apprezzare nel dettaglio anche le eccellenze aziendali che emergono nei diversi settore produttivi.

Si tratta quindi di una tecnologia che consente di andare ben oltre la valorizzazione dei territori esclusivamente sotto l’aspetto turistico, in quanto attraversa in maniera verticale le filiere produttive e commerciali delle attività presenti.
Il sindaco di Canosa Sannita, Lorenzo Di Sario, che ha ospitato la riunione durante la quale, come detto, si sono gettate le basi per il progetto, illustra così i motivi della scelta:

“Noi abbiamo già le telecamere nel nostro comune, ma queste fornite da Agla sono più tecnologiche in quanto hanno il lettore delle targhe e il riconoscimento facciale dunque sono in grado di assicurare maggiore sicurezza al territorio. In più possono dare una concreta mano allo sviluppo del turismo. In molti ancora non si rendono conto del potenziale turistico che possono avere paesi come Canosa Sannita e non solo nella stagione estiva: se ci lavoreremo bene potremo incrementare gli ingressi anche nelle altre stagioni. Questo discorso ovviamente può essere esteso anche agli altri Comuni che hanno aderito al progetto. Si possono così far conoscere degli aspetti anche poco noti del territorio. È un sistema ottimo per la promozione turistica perché chiunque potrà fare un tour virtuale nelle bellezze del paese andando a visitare i luoghi, le attività commerciali e tanto altro.
Con Agla è nato un discorso di collaborazione che spero possa essere decisamente fattivo”.
Nella visione di Agla e dei suoi fondatori la realizzazione degli Ecosistemi tecnologici rappresenta non certo il punto di arrivo, ma solo la base di partenza per un progetto molto più ampio che, attraversando svariati ambiti settoriali, consentirà la digitalizzazione ed interconnessione dei territori e delle attività in una forma tecnologico-comunicativa molto spinta ed avanzata, permettendone così la valorizzazione a livello globale.

Guarda anche

Includere con il lavoro, bilancio positivo di Apl Cna sui tirocini per gli stranieri

Avviati in 34 con “Puoi”. Destinazioni principali manifattura, agricoltura, alloggio e ristorazione  PESCARA – Trentaquattro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + cinque =