sabato , 18 Settembre 2021

A Chieti sono in corso le ultime riprese del documentario ‘Padre Mio’ di Antonio D’Ottavio sulla ‘Passione di Cristo’

Il soggetto e la colonna sonora del documentario sono firmati da Davide Cavuti.

Chieti. Ultimi ciak per il documentario «Padre Mio» sulla «Passione di Cristo», con la regia di Antonio D’Ottavio e il soggetto firmato da D’Ottavio e dal maestro Davide Cavuti, che è autore anche della colonna sonora originale. Un racconto poetico della processione del «Venerdì Santo» con la partecipazione dell’arcivescovo di Chieti-Vasto Bruno Forte e la presenza straordinaria di alcuni grandi attori del panorama italiano come Edoardo Siravo, Paolo Bonacelli, Paola Gassman. Il racconto della «Passione di Cristo» è affidato ad Aurelio Bigi (storico), che ha collaborato anche alla sceneggiatura, Franca Minnucci (scrittrice e attrice), Giampiero Perrotti (giornalista e governatore dell’«Arciconfraternita del Sacro Monte dei Morti»), Enrico Di Carlo (giornalista e scrittore), Cristiano Sicari (presidente della «Deputazione Teatrale Teatro Marrucino») e la partecipazione straordinaria del tenore Piero Mazzocchetti.
«Il Venerdì Santo è un momento molto importante nel cammino della Liturgia della Chiesa e della fede cristiana, perché è il giorno in cui si fa memoria della Passione di Cristo» – sono le parole dichiarate da Monsignor Bruno Forte – «La Processione vuole prolungare la riflessione su questo mistero del Cristo morto e raggiungere le persone per dire che nessuno è dimenticato da Dio e ognuno è accompagnato dal suo amore».
La produzione è di «MuTeArt Film» in collaborazione con «Dem Film produzioni».
Le riprese del documentario si sono svolte a Chieti, all’interno del «Teatro Marrucino», della «Cattedrale di San Giustino» e del «Palazzo Arcivescovile», a Roma e in alcuni comuni abruzzesi.

Guarda anche

Pescara Capitale della cultura 2026, la Cna: «Sosterremo la proposta»

PESCARA – «Sosterremo convintamente in tutte le sedi la candidatura della città di Pescara a Capitale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + quattordici =