sabato , 25 Maggio 2024

Il vino abruzzese conquista la giuria di Gironi divini

Ben 75 cantine incontrate per un totale di circa 300 vini degustati: si chiude con tante conferme e molte belle novità la prima fase i Gironi divini 2023, l’evento enologico, che ad agosto approderà a Tagliacozzo in una veste rinnovata e aperta a tutti. 

L’anteprima è stata una vera e propria maratona durata cinque giorni, in lungo e largo per l’Abruzzo, alla ricerca dei vini più rappresentativi e coinvolgenti dell’anno. Giornate intense, in cui critici, buyers e produttori si sono confrontati, hanno ragionato insieme su stili e tendenze, hanno espresso giudizi di merito sulle espressioni vinicole delle quattro province. 

“È stata un’esperienza unica sia per i giornalisti e i buyers, sia per i produttori e gli enologi”, ha commentato Franco Santini, direttore tecnico dell’evento, “ritrovarsi intorno a un tavolo a discutere di trecento vini in un confronto schietto e leale, che ha arricchito veramente tutti e ci ha permesso di riflettere su come si sta muovendo il mondo del vino abruzzese. Archiviata l’anteprima è arrivato il momento di pensare al grande evento di agosto, che riporterà Gironi divini nel centro storico di Tagliacozzo. Tra le mura di palazzo Ducale, nelle tre serate del 17-18-19 agosto, alcuni luoghi ricchi di storia e fascino ospiteranno i banchi dei sommeliers, che, in un percorso organizzato per vitigni, offriranno in assaggio alcune delle migliori etichette abruzzesi. Non mancheranno stand riservati ad altre eccellenze del territorio, come mieli, oli, salumi e formaggi”. 

E poi l’appuntamento più atteso: quello con le “Finali di Gironi Divini 2023”. Nei prossimi giorni il lavoro svolto nell’anteprima si tradurrà in una lista di “finalisti”, che saranno questa volta giudicati dal pubblico, sempre durante le tre giornate del 17-18-19 agosto a Tagliacozzo. In questa occasione i vini approvati dalla giuria tecnica saranno divisi per tipologie e presentati nelle postazioni d’assaggio, che saranno allestite nel cortile d’armi e nelle carceri di palazzo Ducale e sulla terrazza della locanda La Parigina. I migliori 10 vini per ogni tipologia (nelle categorie “Trebbiani”, “Pecorini”, “Bianchi Minori”, “Rosati”, “Rossi Giovani”, “Rossi Maturi”) saranno giudicati alla cieca da una giuria “popolare” composta da 40 persone, che aggiungerà il valore edonistico a quello tecnico, decretando i “campioni” di Gironi Divini 2023! (per partecipare, tutte le info saranno pubblicate nei prossimi giorni sul sito ufficiale www.gironidivini.it).

Guarda anche

Vinitaly: cala sipario sulla 56a edizione. Numeri positivi per il vino abruzzese

Verona – “Sono stati quattro giorni pieni di entusiasmo. Le nostre cantine crescono, fanno innovazione, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *