domenica , 28 maggio 2017
Home » Passioni » People » Sanità, workshop sulla sicurezza dei percorsi chirurgici

Sanità, workshop sulla sicurezza dei percorsi chirurgici

La casa di cura Villa Serena di Città Sant’Angelo (PE) mette a confronto professionisti della struttura ospedaliera e del territorio

 

La percezione della sicurezza che si ha della chirurgia è elevata, grazie ad anni di progressi medici, e dal punto di vista psicologico ciò rappresenta un aiuto per i pazienti. Dall’altra parte l’aumento dell’età media, che si traduce in sempre più pazienti anziani, a volte con situazioni cliniche delicate, porta a una maggiore complessità degli interventi chirurgici. Uno studio mondiale dell’università Queen Mary di Londra, pubblicato sul British Journal of Anaesthesia, traduce in cifre la situazione attuale: ogni anno il 16,8% dei pazienti sviluppa complicazioni post-operatorie, e il 2,8% muore prima di lasciare l’ospedale, il che vuol dire 50 milioni di soggetti con complicazioni e 1,5 milioni di decessi post-operatori.
È in questo contesto che è nata l’idea di realizzare il convegno “Dal territorio al tavolo operatorio e ritorno: un percorso sempre sicuro?”, che si terrà sabato 20 maggio a Città Sant’Angelo (Pescara) nella Casa di Cura Villa Serena, da sempre interessata ad alzare il livello del dibattito medico coinvolgendo e mettendo a confronto le proprie figure professionali e i professionisti del territorio. Si tratta di un vero e proprio evento con finalità formative nel quale interverranno medici di medicina generale e specialisti in anestesia e rianimazione, cardiologia, chirurgia, urologia e ortopedia.
Durante l’iniziativa si approfondiranno i moltissimi passaggi delicati del percorso pre, post, e perioperatorio che necessitano di un’attenzione molto alta da parte del personale medico e paramedico, in un sistema complesso come quello sanitario nel quale occorre garantire efficienza, qualità, efficacia, sicurezza e appropriatezza delle prestazioni.
Il convegno della Casa di Cura Villa Serena analizzerà gli elementi chiave per raggiungere questi obiettivi: la formazione medica continua, l’implementazione della pratica clinica basata sull’evidenza, la riduzione dell’incidenza degli errori, la risposta appropriata ai bisogni del paziente, e soprattutto il miglioramento del rapporto, la corretta e fattiva interazione tra i professionisti della struttura ospedaliera e del territorio.

Guarda anche

Spoltore, Febo: “Mai più discariche, inceneritori o compattatori a Spoltore e subito la bonifica dell’ecomostro pubblico di Collecese”

Spoltore - “In campagna elettorale si sentono dire le più fantasiose falsità, a cui noi rispondiamo con il nostro programma di governo, trasparente e accessibile a tutti sul sito Primaveracittadina.it”.  Così Marina Febo, candidata a sindaco di Spoltore alla guida di cinque liste civiche, spiega come il suo programma sia votato al rispetto della comunità e alla cura del territorio, perché Spoltore merita di più. “Per cinque anni, durante la mia seria opposizione in consiglio comunale, abbiamo cercato di far emergere un sistema fatto di rapporti opachi con alcune imprese, che hanno goduto di privilegi a discapito del resto della cittadinanza e delle aziende che pagano le tasse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + dodici =