martedì , 19 settembre 2017
Home » Focus » Cronaca » Montesilvano, incendio al colle della Giovane: Quel che resta

Montesilvano, incendio al colle della Giovane: Quel che resta

Montesilvano – Alle 5 di questa mattina è terminata l’emergenza al colle della Giovane, dopo che l’incendio sviluppatosi nella serata di ieri ha divorato la parte superiore della collina. E’ stato individuato dai carabinieri il responsabile, un uomo di 61 anni, F.D.F. che ieri sera è stato accompagnato in caserma, per lui ipotizzata una denuncia a piede libero per il reato di incendio boschivo colposo.

F.D.F. nella prima serata di ieri aiutandosi con dell’alcool aveva dato al fuoco delle sterpaglie dopo aver fatto dei lavori nel suo giardino.
La situazione è diventata subito incontrollabile a causa del vento che ha iniziato ad alimentare le fiamme e che presto hanno iniziato a divorare il bosco. Il rogo è stato contenuto dai Vigili del Fuoco che sono subito accorsi sul luogo del disastro ma nel corso degli eventi ha lambito pericolosamente alcune case, tanto da costringere alcune famiglie a lasciare le abitazioni e le autorità a ordinare  per alcuni casi l’evacuazione.

Il Comune verso la mezzanotte in forma preventiva ha anche  attivato il Coc (Centro operativo comunale) per la gestione dell’emergenza approntando anche dei mezzi  per il trasporto delle persone sgomberate. Sul posto insieme ai Vigili del fuoco anche la Polizia Municipale, la Protezione Civile, la Croce Rossa, i carabinieri forestali e i carabinieri della compagnia di Montesilvano.
Assieme a loro
per ore a coordinare i soccorsi il sindaco Maragno , giunto appena aver saputo di quanto stava accadendo.
Il primo cittadino ha lasciato il luogo dei soccorsi solo questa mattina all’alba quando la situazione è apparsa finalmente sotto controllo, dopo che la pioggia ha agevolato le operazioni di spegnimento ed è stata finalmente dichiarata terminata l’emergenza.

Quello che resta ora di quell’area è un enorme tizzone nero, un patrimonio boschivo che negli anni era riuscito ad uscire indenne dalla cementificazione che ha selvaggiamente depredato il verde della città.
Una mini riserva  per la microfauna e l’avifauna locale ieri andata in fumo nel periodo meno indicato come quello della nidificazione.

 

Alle ore 12,00 dopo che l’incendio era stato domato il terreno continuava a fumare


Notice: Undefined index: tie_hide_author in /var/www/clients/client5/web26/web/wp-content/themes/sahifa02012017/single.php on line 105

Guarda anche

Montesilvano caso studio di mobilità sostenibile a Venezia

Montesilvano  - Incubatori verdi, questioni energetiche, progetti per la sostenibilità comunale o ancora nel social housing, e poi costruzioni in legno, ciclovie e cammini. Questi i grandi temi che saranno al centro della prima edizione di Urbanpromo Green che si terrà a Venezia, presso Palazzo Badoer, Scuola di dottorato Iuav, il 21 e 22 settembre e che vedrà Montesilvano al centro come caso studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × quattro =