venerdì , 23 Febbraio 2024

Sinistra anticapitalista: Negri Sud, ‘fallimento della politica non dei lavoratori’

“La cronaca di questi ultimi giorni -sottolinea Sinistra anticapitalista- ci riporta le notizie di stipendi arretrati da molti mesi e debiti lievitati che renderebbero la situazione economica insostenibile.
Centro destra (al governo della Regione e della Provincia fino a poco tempo fa) e Centro Sinistra (oggi al governo di Regione e Provincia e, fino a poco tempo fa, attiva opposizione nei rispettivi consigli) hanno entrambe la responsabilità politica di quanto sta accadendo.
Gli appelli dei sindacati denunciano il fallimento di una conversione che chiama in causa tutta la dirigenza politica, che sembra aver quasi abbandonato l’importantissimo centro di ricerca di Santa Maria Imbaro”.

Il centro di ricerca Mario Negri Sud è un’eccellenza nazionale e internazionale ed è un baluardo preziosissimo nella analisi e tutela del territorio dal punto di vista ambientale.
In questi anni le rilevazioni dell’inquinamento e della “qualità dell’aria” nella Provincia di Chieti sono avvenuti soprattutto grazie alle lavoratrici e ai lavoratori del Mario Negri Sud, solo per citare una delle tantissime tematiche che impegnano questo territorio. Alcuni anni fa fa presente Sinistra anticapitalista, si è tentato, purtroppo senza successo, di imporre in Abruzzo la VIS (Valutazione d’Impatto Sanitario) per i progetti con impatti ambientali.
“Uno strumento importantissimo e dalla grandissima potenzialità per la difesa della cittadinanza. Il Mario Negri Sud è in grado di svolgere egregiamente queste valutazioni, donando un grandissimo servizio al territorio e nel contempo ricevendo un forte sostegno, anche economico. Questo è solo uno dei tanti esempi che si potrebbero fare. E invece siamo sull’orlo della chiusura definitiva, del tramonto”.

Ma per Sinistra Anticapitalista non è il Mario Negri Sud ad aver fallito bensì l’intera classe politica di questa Regione e di questa Provincia. “Come hanno denunciato i sindacati, fiumi di parole e di promesse hanno animato questi mesi; sono state formulate proposte riguardanti forme di sostegno e soluzioni diverse prima, durante e dopo l’ultima campagna elettorale.
Ma alla fine si è giunti a questo punto.
Tutti gli autori di questi inutili effluvi oratori si sono resi protagonisti di questo ennesimo disastro. Le lavoratrici e i lavoratori del Mario Negri Sud non possono essere lasciati soli e mandati a casa. Chiediamo che vengano rispettati i loro diritti insieme ai diritti del nostro territorio nella certezza che la ricerca scientifica e la tutela ambientale e della salute non siano inutili orpelli ma debbano essere al centro di un’azione che voglia dirsi politica”.

Guarda anche

“Cybearly”: l’attenzione resta alta sulla cyber security 

Dopo il successo della prima edizione, si lavora già per il nuovo appuntamento 2024  Cala …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *