mercoledì , 23 Settembre 2020

“Un’agricoltura di qualità per l’Abruzzo”, assemblea congresuale a Cepagatti

Previste le presenze del Presidente – Governatore della regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, dell’assessore alle Politiche Agricole Dino Pepe, del presidente della commissione consiliare “Agricoltura” Lorenzo Berardinetti, dei Presidenti regionali di Coldiretti, Cia e Confagricoltura, dei rappresentati del mondo della Cooperazione, dei Sindacati confederali di Cgil, Cisl e Uil, il Presidente dell’Unione Regionale delle Bonifiche e dell’Associazione Regionale Allevatori (A.R.A.).
Presenzierà il presidente nazionale della Copagri, Francesco Verrascina, che concluderà i lavori.

“Giungiamo a celebrare il nostro congresso regionale in ritardo rispetto a quello nazionale tenuto lo scorso anno ma lo teniamo in una condizione di buona salute organizzativa e con ottime premesse di eleggere una nuova classe dirigente motivata a riprendere un iniziativa politica nel territorio a supporto della numerosa base associata che, in Abruzzo, si aggira intorno alle 8.000 aziende agricole. – dichiara Camillo D’Amico presidente vicario uscente dell’organizzazione agricola – Vogliamo dare il nostro contributo per ricostruire una forte unità nel mondo sindacale agricolo perché, oggi più che mai, è necessario semplificare ed aggregare non solo la filiera produttiva ma anche quella di chi è preposto alla tutela ed alla rappresentanza. Intendiamo adoperarci affinchè alcune nostre priorità rivendicative siano messe sul tavolo della discussione e del confronto con pari dignità di quelle presentate e rappresentate da altri soggetti – continua D’Amico che conclude – I giovani, le aree interne, le produzioni di qualità e gli investimenti che tendano a migliorare la redditività delle aziende agricole sono i nostri principali obiettivi senza tralasciare un’attenzione particolare verso la tutela dell’ambiente che riveste un aspetto significativo ed importante per le politiche comunitarie, nazionali e regionali”.

Guarda anche

Di Marzio (Confartigianato) “dopo gli Alpini, Banca d’Italia e altre, anche Camera di Commercio lascia Teramo”

Teramo – «La CONFARTIGIANATO Teramo ha lottato dall’inizio per evitare di regalare la Camera di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 1 =