giovedì , 9 Dicembre 2021

La Regione dice si’ alla richiesta del comune di oltre un milione di euro per villa Acerbo

Il Comune di Spoltore, infatti, è secondo (con 66 punti, preceduto solo dal progetto relativo agli Istituti Riuniti San Giovanni Battisti di Chieti con 68 punti) nella graduatoria stilata dalla Regione, dai servizi dell’Assessorato alle Politiche Sociali, in seguito alla valutazione dei progetti presentati dagli enti locali per il bando PAR FAS Abruzzo 2007-2013 per interventi di Adeguamento sismico e miglioramento di edifici pubblici destinati ad attività sociali di tipo residenziale.

«Risistemare Villa Acerbo nel suo complesso – ha commentato il sindaco di Spoltore, Luciano Di Lorito – è una nostra forte aspirazione ed è un importante traguardo per tutta la Città di Spoltore che da almeno quindici anni sta aspettando di riappropriarsi di ciò che le appartiene. Oggi possiamo finalmente dire di aver concretamente cominciato un percorso di rinascita con l’approvazione della richiesta di contributo da parte della Regione. Da soli, con le sole possibilità finanziarie del Comune, sarebbe stato impossibile. Ecco perché, dal primo giorno del mio insediamento, ho chiesto ad assessori e dipendenti di cercare tutti i canali di finanziamento possibili. E questo è sicuramente un bel risultato. Siamo stati bravi ad elaborare il progetto ed a presentarlo, adesso dobbiamo essere altrettanto bravi a controllare che tutto proceda senza intoppi, consapevoli di dover seguire i necessari tempi della burocrazia».

«Il contributo che abbiamo richiesto e che ci è stato approvato dalla Regione – ha spiegato Lorenzo Mancini, Assessore ai Lavori Pubblici – è relativo alla ristrutturazione di parte di Villa Acerbo. Oggi solo uno dei due fabbricati è attivo con una capacità di 41 posti letto, mentre l’altro dal 2000 non è più utilizzato perché non sicuro. I lavori di ristrutturazione dell’edificio stesso, previsti dal progetto approvato dalla Regione, permetteranno di creare camere da letto con bagno direttamente collegato, per un totale di altri 20 posti letto. L’adeguamento sismico, inoltre, permetterà di riutilizzare tutti gli spazi aperti connessi al complesso».

Guarda anche

Covid-19: chiusi i Centri per l’impiego di Chieti e Pescara

Pescara – Su disposizione del direttore del Dipartimento Lavoro è stata differita al 6 dicembre 2021 la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 19 =