martedì , 7 luglio 2020
Home » Focus » News » Il Distretto Rurale Terre Vestine – dalle Saline al Gran Sasso porta a Casa Abruzzo la sinergia positiva di un territorio unico

Il Distretto Rurale Terre Vestine – dalle Saline al Gran Sasso porta a Casa Abruzzo la sinergia positiva di un territorio unico

Tale Distretto è attualmente una rete di 17 comuni, ovvero Città Sant’Angelo (ente promotore), Civitella Casanova, Collecorvino, Elice, Farindola, Loreto Aprutino, Montebello di Bertona, Moscufo, Penne, Pianella, Picciano e Villa Celiera, per la provincia di Pescara, e Arsita, Bisenti, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti e Montefino per quella di Teramo, oltre a 33 Attività produttive private ricadenti nell’area in questione e 2 Associazioni di categoria (Confederazione Italiana Agricoltori e Coldiretti).

Il Distretto Rurale “Terre Vestine” è l’esempio di quanto, soprattutto in un momento di crisi, possa essere importante valorizzare un’area storicamente, culturalmente e geomorfologicamente omogenea nel suo insieme, in maniera sinergica, in una logica di filiera e multi filiera, senza però dimenticare le tante peculiarità che in essa si trovano, che ne fanno un territorio unico. È un’area particolarmente vocata alla produzione agricola, con comparti trainanti nei settori vitivinicolo, olivicolo, orticolo, dell’allevamento, della lavorazione delle carni e della produzione di latticini, nonché dell’agriturismo e turismo ambientale.

Con questo progetto, nato spontaneamente dal basso, si sono superati eventuali campanilismi perché il vero obiettivo è quello di attribuire un ruolo strategico ad un’area dove la ruralità rappresenta un punto di forza e non una marginalità.

Nei giorni in cui il Distretto Rurale “Terre Vestine” sarà presente a Milano, le Aziende creeranno un unicum accattivante mettendo in scena quattro giornate dedicate alle eccellenze.

Avremo quindi esposizione e degustazioni di prodotti tipici del territorio, come Olio Extra Vergine d’Oliva DOP (cultivar Dritta e Castiglionese), Vini (Montepulciano, Trebbiano, Cerasuolo, Pecorino e Montonico), Formaggi, Conserve, Sott’oli, Pane e Pasta, Cioccolato accompagnati da Show cooking e proiezione di filmati illustrativi del paesaggio, della cultura e delle produzioni enogastronomiche dell’area del Distretto.

Nello specifico la prima giornata, dal titolo “Un filo unico di bontà” sarà dedicata alla pasta tipica del Distretto Vestino, LA MUGNAIA. Prodotto povero di matrice contadina la Mugnaia, è una pasta nata dai mulini ad acqua che numerosi costeggiavano il fiume Fino nell’omonima vallata che collega le provincie di Pescara a Teramo. Ragazze, con i tradizionali vestiti d’epoca, riproporranno tutte le fasi di preparazione di uno dei piatti più antichi, conosciuto a livello nazionale.

Abbinamento di un vino esclusivo, soprannominato “Petit Champagne”, ottenuto da un vitigno autoctono. Il MONTONICO, con il suo gusto spettacolare sicuramente sorprenderà!

Nella seconda giornata si affronterà un bellissimo “Viaggio all’interno del Distretto Rurale Terre Vestine – dalle Saline al Gran Sasso, incontro con i produttori”, che porterà alla conoscenza dei colori, dei suoni e della cultura del paesaggio rurale vestino, il tutto condito dai profumi e dalle delizie enogastronomiche. Assaggio dalle pietanze più antiche e semplici, come “Pan ond e pummador” (pane olio e pomodoro) ai piatti ottenuti con prodotti autoctoni, ma presentati in maniera rivisitata, facendoci bagnare da un prezioso Montepulciano DOC per gli amanti dei sapori decisi, ma anche dai Trebbiani, Pecorini e Cerasuoli del Distretto.

Il venerdì, conoscenza con il “Primogenito”, un prodotto unico al mondo, il Pecorino di Farindola stagionato al cacao. Un presidio Slow food, il Pecorino di Farindola, gusto e sapori, aromi intensi ed unici, frutto semplicemente di antiche e rispettate tradizioni e forti passioni, incontra l’innovazione, un nuovo sistema di affinamento di dodici mesi nel cacao, che solo l’estro di un Maestro Cioccolatiere poteva sperimentare. Presentazione dell’Abruzzo nella Chocolate Way Europea.
Non poteva, inoltre, mancare l’allegria della canzone abruzzese con il gruppo folkloristico “Eco tra i torrioni”.

E dulcis in fundo, si conclude l’esperienza del Distretto Rurale Terre Vestine – dalle Saline al Gran Sasso a Casa Abruzzo il 4 luglio con “L’oro d’Abruzzo, sua maestà Olio E.V.O.”. Dalle falde del Gran Sasso al mare, grandi oliveti coprono il succedersi di valli e colline donandoci l’alimento più prezioso e salutare che esista, l’Olio Extra Vergine d’Oliva. Sarà un itinerario alla scoperta delle cultivar tipiche del Distretto e assaggio con il Pane per eccellenza, il Casereccio cotto al forno a legna.

Gli show coking, le presentazioni e i convegni inizieranno alle ore 18:00.

Le aziende presenti saranno: Az. Agr. Le due Colline, Az. Agr. Ciavattella Nadia, Pastificio La Mugnaia, Az. Agr. Valente, Centini Chocolate, Frantoio Planamente Carlo, Panificio Di Pietrantonio Antonella , Az. Agr. Tenute di Montesecco, Coop. Masserie del Parco e la Fondazione dei Musei Civici.

Venerdì 26 giugno, Conferenza Stampa per la presentazione del progetto, in presenza dell’Ass. all’agricoltura Dott. Dino Pepe, presso la sede della Regione Abruzzo, in via Catullo, 17 (PE).

Guarda anche

Coronavirus: in Abruzzo 2 nuovi casi positivi al Covid-19, dati aggiornati al 1° luglio

Pescara – In Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 3289 casi positivi al Covid 19, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 2 =