domenica , 17 Ottobre 2021

Movimento 5 Stelle: Dalla regione 7 milioni e 800 mila euro alle cliniche private ma si massacra la sanità pubblica

“Si avvantaggia la sanità, di cui godono solo le fasce più ricche della popolazione” spiegano i consiglieri del M5S “a discapito di quella pubblica, fruita invece dalla maggior parte dei cittadini, soprattutto da quelli che vivono in situazione economica di disagio. Una scelta che non troviamo corretta” continuano i pentastellati “visto che, a differenza di quanto sostenuto dalla maggioranza, non c’era nessun obbligo per operarla”.

Sulla stampa di oggi, dencia critico il Movimento 5 stelle, la maggioranza prova a far passare questa scelta come obbligata da un emendamento alla legge nazionale sulla spending review del 2013. “FALSO l’emendamento da la POSSIBILITA’ alla Regione – dunque NON la OBBLIGA – a rivedere il rialzo i calcoli sui tetti di spesa per le cliniche private, contenendo i costi su altre aree di spesa sanitaria.

Anche il fedelissimo Camillo D’Alessandro-scrivono i grillini- prova a mettere una pezza a colori affermando alla stampa che «La rideterminazione del budget per la ospedalità privata non è altro che l’applicazione di una disposizione nazionale, del 2013, voluta dal centrodestra abruzzese, portata in Parlamento ed approvata attraverso la forma dell’emendamento» . Ma quello che il Sottosegretario D’Alessandro dimentica di sottolineare è che l’applicazione della disposizione nazionale è esclusivamente VOLONTA’ DELLA GIUNTA perché la norma NON E’ OBBLIGATORIA”.

I pentastellati abruzzesi fanno notare come leggendo l’art 49 della Legge 9 agosto 2013 n. 98, lo stesso articolo che quelli da loro definiti “distratti” “utilizzano come giustificazione, si legge chiaramente che la norma non è obbligatoria e che comunque secondo i criteri stabiliti sarebbero solo 2 le cliniche che rientrano nella logica dell’emendamento. Come mai il Presidente ha deciso destinare questi soldi a NOVE strutture del territorio?

Sicuramente lo chiederemo ai diretti interessati, -concludono nella nota- per ora è importante che i cittadini sappiano che le scelte di questa amministrazione non aiutano gli abruzzesi, ma solo quei “pochi” a cui probabilmente si deve rendere conto”.
.

Guarda anche

Danni nevicate gennaio 2017: contributi per 8,7 mln per le aziende agricole

Attivate procedure per risarcimenti ad aziende agricole abruzzesi L’Aquila, 29 set. – Pubblicato il Decreto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 3 =