martedì , 26 maggio 2020
Home » Terza pagina » Eventi » A Francavilla presentato l’Atlante Storico delle Stragi Nazi-fasciste

A Francavilla presentato l’Atlante Storico delle Stragi Nazi-fasciste

Si tratta di un progetto d’ampio respiro, che interessa non solo la nostra Regione bensì l’intero Paese, e che vede coinvolti centinaia di ricercatori, impegnati nel censimento delle stragi nazi-fasciste compiute in Italia tra il 1943 e il 1945.

Durante l’incontro, Enzo Fimiani ha illustrato in maniera più approfondita il progetto, tracciando un quadro generale della situazione; Nicola Palombaro, invece, si è soffermato sulla realtà del nostro territorio, delineando un profilo storico legato alla nostra Regione.
Infine Ilaria Del Biondo ha illustrato il modus operandi dei ricercatori impegnati nel progetto, sottolineando le difficoltà e gli ostacoli che si sono incontrati nel redigere il modello di scheda di riferimento.

Visto l’argomento e soprattutto il coinvolgimento diretto della nostra stessa città nelle vicende di cui si è parlato, l’incontro ha suscitato l’interesse dei presenti che sono intervenuti ponendo domande o semplicemente per riportare una loro considerazione personale.

Quello tenutosi lo scorso lunedì è il primo degli appuntamenti estivi che si terranno presso la biblioteca: l’Associazione Sophia,che si occupa della gestione, ha infatti programmato una serie di eventi per i mesi di giugno, luglio e agosto, quali presentazioni di libri, aperture serali e visite all’archivio storico privato di Giuseppe Iacone.

In particolare, il prossimo venerdì 10 luglio ci sarà la presentazione de “L’Amalassunta” di Pier Franco Brandimarte, vincitore del Premio Calvino 2014.

Per il mese di agosto sono previste due serate di apertura straordinaria della biblioteca, in cui sarà possibile visionare alcune delle fotografie dall’Archivio Iacone relative a Michetti e al Cenacolo, in concomitanza con la manifestazione “A cena con gli Artisti”.

Guarda anche

Ulteriore rinvio degli spettacoli di Giorgio Panariello al Teatro dei Marsi di Avezzano e al Teatro Massimo di Pescara

Chieti. A causa del perdurare dello stato di emergenza e alla luce delle ultime disposizioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 1 =