giovedì , 2 luglio 2020
Home » Focus » Ambiente » Forum H2o: a via Balilla il divieto di balneazione c’era dal primo maggio al 15 luglio, a Via Mazzini dal primo maggio al 19 giugno. I cittadini erano informati?

Forum H2o: a via Balilla il divieto di balneazione c’era dal primo maggio al 15 luglio, a Via Mazzini dal primo maggio al 19 giugno. I cittadini erano informati?

I divieti di balneazione più recenti commenta il coordinamento del Forum hanno suscitato grande sconcerto e un’ampia eco, « è quanto meno strano che in città non si sia parlato per quasi due mesi dell’esistenza di 2 km di spiaggia in centro dove in teoria non poteva esserci essere umano a fare il bagno..».
Ad avviso del Forum H2O in questi giorni non è stato adeguatamente evidenziato il fatto che i due tratti in questione a marzo 2015 erano stati classificati dalla regione Abruzzo, sulla base dei dati degli anni precedenti, nella classe di qualità “scarsa”, la peggiore, assieme ad altri tratti di altri comuni (Allegato B1 della Delibera regionale che si allega: in tutto 15 tratti di cui due, appunto, a Pescara).

I segmenti di costa in questione scrive il Forum erano stati dunque esclusi dalla regione dalla balneazione, che poteva essere riaperta esclusivamente dopo richiesta pervenuta dai comuni e successiva valutazione e determinazione degli uffici regionali. Questa procedura è chiaramente indicata in basso nello stesso allegato B1.

«Infatti il comune di Pescara ha chiesto alla regione con due note del 15 e 18 giugno di poter riaprire il tratto antistante Via Mazzini. -fanno sapere i coordinatori H2o- La regione ha risposto positivamente con la determinazione DC23/69 del 19 giugno, che si allega. Solo da questa data la balneazione era consentita in questo tratto (a parte, ovviamente, le successive chiusure derivanti da nuovi superamenti dei limiti).

Per Via Balilla il comune di Pescara ha chiesto la riapertura alla Regione il 14 luglio e la regione ha dato il suo assenso il 15 luglio con determinazione DC23/84.

Come Forum esprimiamo comunque forti dubbi anche sulla riapertura di entrambi i tratti operata dalla regione in quanto non erano state rimosse le cause dell’inquinamento».

Il Decreto 116 del 2008 all’Art.15 “Informazione del pubblico” precisa che:

“1. I comuni assicurano che le seguenti informazioni siano divulgate e messe a disposizione con tempestività durante la stagione balneare in un’ubicazione facilmente accessibile nelle immediate vicinanze di ciascuna acqua di balneazione:….e) laddove la balneazione e’ vietata, avviso che ne informi il pubblico, precisandone le ragioni; g) indicazione delle fonti da cui reperire informazioni più esaurienti, conformemente al comma 2.”
Prevede, inoltre che:

“2. Le autorità competenti, ciascuna per la propria competenza, utilizzano adeguati mezzi e tecnologie di comunicazione, tra cui Internet, per promuovere e divulgare con tempestività le informazioni sulle acque di balneazione di cui al comma 1, nonché, ove opportuno, in varie lingue, le seguenti informazioni:

a) elenco delle acque di balneazione;

b) classificazione di ciascuna acqua di balneazione negli ultimi tre anni e il relativo profilo, inclusi i risultati del monitoraggio effettuato ai sensi del presente decreto dopo l’ultima classificazione;

c) misure di risanamento di cui all’articolo 2, comma 1, lettera f), numero 10);

d) nel caso di acque di balneazione classificate «scarse», informazioni sulle cause dell’inquinamento e sulle misure adottate per prevenire l’esposizione dei bagnanti all’inquinamento e per affrontarne le cause come prescritto nell’articolo 8, comma 4;”

«Questi obblighi sono stati rispettati? -chiede il Forum H2o e ancora- E’ stata emessa un’ordinanza ad Aprile per chiarire tutto ciò come hanno fatto altri comuni nelle medesime condizioni, anche in considerazione di quanto previsto per i comuni dall’Art.2 comma 4 lettera a) del Decreto 30 marzo 2010?
In ogni caso, a parte l’ordinanza, i cartelli di divieto c’erano? Se sì, quanti? Il divieto è stato fatto rispettare? Se migliaia di cittadini fanno il bagno in acque vietate è una notizia che dovrebbe portare le autorità a rafforzare le azioni volte a prevenire problemi sanitari importanti».

I DOCUMENTI

ViaMazzini DC23 69 Stagione 2015 Comune Pescara

ViaBalillaDC23 84 Stagione 2015 Comune Pescara

A MappaViaBalillaViaMazzini

b AllegatoB1

Guarda anche

Buone pratiche: In 9 punti le proposte del WWF ai candidati sindaco di Chieti

Chieti Tra pochi mesi i cittadini di Chieti saranno chiamati a scegliere la nuova amministrazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 6 =