mercoledì , 2 Dicembre 2020
Pescara : A regime il nuovo regolamento comunale Regolamento municipale delle attività artigianali legate ai servizi alla persona che disciplina delle attività di acconciatore, estetista, tatuaggio, piercing, centri di abbronzatura, onicotecnica e centri tricologici non curativi, approvato durante l'ultimo consiglio comunale.

Pescara nuovo regolaamento per acconciatori ed estetisti

“Con l’approvazione del nuovo Regolamento comunale abbiamo iniziato una nuova fase per il settore degli acconciatori, dell’estetica e del benessere, sburocratizzando con radicalità gli oneri a carico dei titolari in caso di subentro ad un’attività esistente e introducendo novità importanti a favore della staffetta generazionale – afferma l’assessore alle Attività produttive Giacomo Cuzzi nuovo – L’obiettivo principale è quello di dare al settore una sterzata verso l’innovazione semplificando il subentro ad attività esistenti e agevolando l’affitto di poltrona, quel meccanismo cioè che consente di affittare i propri strumenti ad altri professionisti autorizzati, facilitando l’emersione dal nero e l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Abbiamo poi normato l’attività di nuove figure professionali che prima non erano neppure menzionate nel vecchio Regolamento e che tuttavia in questi anni sono cresciute notevolmente. L’innovazione parte dal basso e dalla quotidianità.
Nello specifico le novità introdotte dall’art. 2 riguardano l’affitto di poltrona cabina, già introdotto da questa Amministrazione con delibera di Giunta n. 829 del 23/12/2014 per acconciatori ed estetisti e che oggi viene ampliato per tutte le attività come nuova possibilità di lavoro, prevedendo anche la forma mista come nel caso di acconciatori ed estetisti.
Altro aspetto innovativo è contenuto nell’articolo 8 che, come detto, sburocratizza sub ingressi, semplificazione e opportunità con la previsione della prosecuzione di attività dal dante causa al subentrante, previo possesso da parte di quest’ultimo dei requisiti morali e professionali. Tutto questo diventa possibile attraverso semplice domanda al Suap corredata di dichiarazioni del possesso dei requisiti per l’esercizio di attività e non più come se si trattasse di un nuovo esercizio con nuovi procedimenti.

“Si tratta di novità condivise con gli operatori che da tempo chiedevano un aggiornamento del Regolamento – aggiunge il consigliere Piero Giampietro, presidente della commissione Commercio e artigianato del Consiglio comunale – e che abbiamo fortemente voluto per garantire nuove opportunità di lavoro ai tanti giovani che scelgono di entrare in questo settore. Il nuovo Regolamento appena approvato è il primo passo di un intervento di innovazione dei principali regolamenti comunali sulle attività economiche”.

Guarda anche

Crisi industriali nel teramano: Pepe (PD) chiede un cambio di passo alla Giunta Marsilio

Pepe “striglia” la Giunta Marsilio e si unisce a Confindustria e ai sindacati nel chiedere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + diciotto =