venerdì , 3 luglio 2020
Home » Passioni » Food » L’artista polacca Maciechowska e lo chef Simone Cipriani conquistano il Br1

L’artista polacca Maciechowska e lo chef Simone Cipriani conquistano il Br1

Ieri sera lo spazio culturale
di Montesilvano Colle
è tornato ad animarsi con la nuova rassegna
“Da Nord a Fud”

Montesilvano – Gustare prelibati piatti realizzati a quattro mani da chef emergenti divertendosi a trovare delle similitudini con le opere di una talentuosa artista. E’ questa l’originale formula che ha caratterizzato il primo evento della nuova rassegna enogastronomica e artistica “Da Nord a Fud” promossa dallo spazio culturale Br1 di Montesilvano Colle in sinergia con l’associazione “Fud – Espressioni di gusto” e andata in scena ieri sera nella splendida cornice del borgo storico.

Protagonisti della serata sono stati in particolare lo chef toscano Simone Cipriani, che si è alternato ai fornelli della cucina a vista del Br1 con il “padrone di casa” Daniele D’Alberto, e la pittrice polacca Anna Maria Maciechowska, le cui opere hanno impreziosito le pareti dello spazio culturale montesilvanese. Molto suggestive le sue opere a rilievo esposte ieri a Montesilvano Colle in abbinamento ai piatti dello chef toscano, grazie a un progetto artistico che vede i due giovani creativi ispirarsi a vicenda. Ammirando le opere dell’artista polacca, infatti, non è stato difficile cogliere delle similitudini con le portate preparate dallo chef Simone Cipriani e dal collega Daniele D’Alberto. Dall’originale lasagna 2d alla ribollita crispy, passando per la chitarrina con burro di agrumi, salsa di cozze e ristretto di mare e il pollo in sala barbecue con lattuga, in ogni portata i due cuochi sono riusciti a rappresentare i colori e le forme delle opere dell’artista polacca. A contribuire all’appagamento dei sensi dei partecipanti anche i sapienti abbinamenti con i vini della cantina Nicola Di Sipio.

Un grande successo, dunque, quello registrato dalla prima serata della nuova rassegna “Da Nord a Fud” ideata dal presidente dell’associazione Fud Francesco Cinapri e dalla titolare del Br1 Martina Peca, arrivati ormai al terzo anno di collaborazione. La kermesse artistica ed enogastronomica, che vedrà chef e artisti provenienti da tutta la Penisola alternarsi mensilmente nel “contenitore” culturale Br1, proseguirà con un nuovo appuntamento in programma venerdì 11 marzo. Ospiti della serata saranno lo chef piemontese Paolo Griffa, vincitore del San Pellegrino Young Chef, e il fotografo ucraino d’origine e romano d’adozione Klim Kutsevskyy.

 

ribollita-crispySimone Cipriani

Classe 1985, nato a Livorno e figlio di un ristoratore, inizia a muovere i primi passi nelle cucine dei ristoranti di famiglia a Roma e in Toscana dove scopre la passione per i fornelli. Nel 2002 conosce lo chef Daniele Sera grazie al quale scopre la cucina creativa e nel 2004 apprende i trucchi del mestiere dallo chef Francesco Berardinelli che da Firenze seguirà anche a Roma. Nel 2006 lavora in un ristorante stellato con lo chef stellato Gaetano Trovato, poi intraprende un percorso da chef-imprenditore in Valdarno, per poi sentire nuovamente l’esigenza di imparare che lo vede approdare prima al fianco dello chef Paolo Amadori del gruppo Gualtiero Marchesi e poi a Formentera come Sous Chef di Andrea Alimenti. Nel 2011 inizia l’avventura nel ristorante Santo Graal di Firenze, senza rinunciare alla sua sete di conoscenza e sperimentazione che lo porta anche a New York e in Giappone, e che nel 2014 gli vale il titolo di Chef Emergente Centro e il secondo posto come Chef Emergente Italia. Dopo la fine dell’esperienza nel Santo Graal, oggi Cipriani è alle prese con un nuovo progetto che a breve prenderà vita a Firenze.

 

Anna Maria Maciechowska

Nata a Cracovia (Polonia) nel 1977, Maciechowska è un’artista appassionata da sempre dell’arte di Burri e Beksinski. Nel 2000 viene colta da un’improvvisa ispirazione e comincia a dipingere sviluppando una tecnica molto particolare. Realizza quadri astratti moderni, tutti dipinti a mano, dal forte impatto emotivo. Adotta tecniche differenti per la realizzazione delle sue opere, utilizzando colori a olio e gesso, sperimentando, e andando sempre alla ricerca di nuovi materiali. Tra le sue creazioni, realizza opere a rilievo molto suggestive in cui l’arte della pittura si trasforma in scultura dando la vita a nuove forme ed emozioni.

Guarda anche

COP25: una ricerca rivela che i cambiamenti climatici anticipano la vendemmia in Abruzzo

Madrid –  L’agricoltura è uno dei termometri più eclatanti dei cambiamenti climatici che sono in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × uno =