mercoledì , 15 luglio 2020
Home » Polis » Aziende » Diminuisce ancora il credito alle Imprese Artigiane in Provincia di Chieti 

Diminuisce ancora il credito alle Imprese Artigiane in Provincia di Chieti 

Per le altre province abruzzesi si conferma la stessa tendenza: 274 mln di euro a Teramo (-11,4%), 232 mln a Pescara (-8,2%) e 199 mln a L’Aquila (-3,7%).

Va meglio per i tassi di interesse applicati a Chieti dove, a Dicembre 2015, rispetto all’anno precedente, il tasso medio applicato si è attestato al 5,73% con una diminuzione di 1,23%. La Regione Abruzzo resta comunque tra le 8 regioni italiane con i tassi più alti, con il 6,44% (il tasso migliore,  4,46%, nel Trentino Alto Adige; il peggiore, 8,53%, in Calabria).

 Per quanto riguarda, infine, i crediti deteriorati e sofferenze bancarie la provincia di Chieti ha un tasso di incidenza delle sofferenze sugli impieghi delle imprese pari al 25,5%. Il dato è decisamente peggiore rispetto alla tendenza regionale e nazionale: nell’ ultimo trimestre 2015 si sono registrate sofferenze bancarie per il 24,3% in Abruzzo e per il 13,4% in Italia. 

L’ accesso al credito rappresenta la linfa vitale per la sopravvivenza delle imprese. – commenta Francesco Angelozzi, Presidente Confartigianato Imprese ChietiI dati riferiti alla nostra Provincia, purtroppo, continuano a non essere confortanti. La Regione continua a non dare risposte su una tematica così delicata. Nei prossimi giorni lanceremo un’ azione di supporto alle start-up abruzzesi, auspicando che il maggior numero di banche del territorio sposino l’ iniziativa per dare risposte concrete a chi, nonostante il momento difficile per la nostra economia, non vuole rassegnarsi ”.

 

Guarda anche

Agriturismo in Abruzzo, pubblicato il bando

L’Aquila –  E’ stato pubblicato il bando pubblico per l’attivazione dell’intervento 6.4.1 “Sostegno a investimenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici + due =