sabato , 25 gennaio 2020
Home » Terza pagina » Eventi » Siamo qui! a Pescara un corteo colorato per una nuova primavera delle coscienze

Siamo qui! a Pescara un corteo colorato per una nuova primavera delle coscienze

Pescara – “Siamo qui” recitava ieri lo striscione col messaggio scritto in lingue diverse, come diverse erano le storie, le culture e le vite di chi reggeva quel messaggio colorato che apriva il lungo corteo.

In centinaia hanno aderito e moltissimi i cittadini stranieri a dare la loro testimonianza della volontà di una convivenza pacifica lontana dai luoghi comuni e dai pregiudizi.

Una manifestazione voluta per dire no al razzismo alla guerra e al terrorismo, e che ieri ha visto la presenza di tantissimi immigrati che in una Pescara colorata e festosa hanno teso la mano al territorio ospite cercando soluzioni a incomprensioni, paure ed indifferenze.

“Siamo qui in tanti e tante, italiani, europei, mediterranei, africani, asiatici, abruzzesi” così hanno ribadito ad alta voce i manifestanti nel lungo corteo che da Largo Mediterraneo, eletto a simbolo di arrivo dei migranti per mare, e dopo aver deposto una corona di fiori per i fratelli che nelle acque hanno perso la vita, ha poi proseguito il suo gioioso tragitto su Corso Umberto, un corteo accompagnato da musica, canti, suoni e parole dal mondo, vicino e lontano. Il serpentone è poi arrivato davanti alla stazione FFSS un altro luogo simbolico, arrivo e partenza per chi parte e per chi arriva.
La manifestazione di pace ha anche registrato la significativa presenza della comunità islamica pescarese, il corteo si è poi concluso in Piazza della Rinascita dove si sono esibiti i gruppi “Jamafrica” e “Pap Kan”, intervallati da interventi dei giovani di seconda generazione sui temi della guerra, del razzismo e del terrorismo.

«Domenica  20 marzo saremo un insieme di diversità e colori che afferma qui ed ora il diritto al rispetto, alla dignità, alla convivenza pacifica, alla gioia ed alla fraternità, nella consapevolezza dei diritti e dei doveri di cui siamo personalmente e collettivamente portatori sani». Avevano preannunciato gli organizzatori, un messaggio di pace pienamente rispettato  a Pescara nella bella giornata di inizio di una primavera che ci auguriamo non sarà solo quella del moto stagionale.

Hanno promosso la manifestazione: COORDINAMENTO MIGRANTI REGIONE ABRUZZO (CMRA): [ Cgil – Cisl – Uil Abruzzo, Associazione “Domenico Allegrino” Onlus, Associazione Articolo 3, Caritas e Fondazione Migrantes dell’Arcidiocesi di Pescara-Penne, ARCI Pescara, ANANKE Onlus, Rete Primo Marzo, Associazione Deposito dei Segni Onlus, ALIS (Associazione Lavoratori Immigrati Senegalesi), NILSA (Associazione Studenti e Lavoratori Nigeriani), ACA (Associazione Comunità Abissina), CENA (Comunità Eritrea Abruzzo), Associazione Salsabil ASCA, Comunità Araba, Comunità Islamica di Pescara ,Comunità Filippina, Comunità Cubana, Comunità Brasiliana] Collettivo Studentesco Pescara, Amnesty International Pescara, Gruppo Emergency Pescara, Gruppo Emergency Pescara, Abruzzo Social Forum, Rifondazione Comunista Pescara, Sinistra Ecologia Libertà Pescara, Partito Democratico Pescara. 

Hanno aderito: SO.HA – Giovani Cittadini Attivi,Unione degli Studenti Abruzzo,Associazione 360°,Associazione La città delle donne,Giovani Comunisti-e Pescara,Associazione Movimentazioni,Rete di solidarietà per la Palestina e pace nel Mediterraneo Abruzzo/Molise,Associazione Baobab,Associazione Nazionale Famiglie Emigrati ANFE Pescara,Comunisti Italiani,AGESCI gruppo Pescara,Sinistra Anticapitalista Abruzzo,PeaceLink – nodo abruzzese e Associazione Antimafie Rita Atria Abruzzo,UDI Pescara,Collettivo studentesco di Sulmona -Studenti #notubo,Collettivo AltreMenti Sulmona,Rete Kurdistan Abruzzo,Cooperativa Sociale Il Mandorlo, Commercio Equo e Solidale – Pescara.

LA FOTOGALLERY

Guarda anche

De Mode in concerto

Chieti. Domani 18 gennaio i DeMode tornano in concerto a Chieti Scalo nella spettacolare cornice …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × due =