sabato , 8 Maggio 2021

Domenica 17 aprile sarà presentato il Catasto onciario di Bellante, 1754

Sarà inoltre possibile visionare l’esemplare originale del Catasto, appena restaurato a cura del Comune da Simona Budassi, e collocato in un’apposita teca donata da Cisia Progetti alla Casa Comunale, ora in esposizione permanente.

Il Catasto onciario di Bellante, tra i pochissimi pubblicati in volume nella provincia di Teramo, è una fonte storica fondamentale per l’esame e la descrizione, sotto molteplici aspetti, della condizione economico-sociale della cittadina a metà Settecento. Attraverso i numerosi dati tecnico-economici contenuti nelle rilevazione catastale, la cui attenta trascrizione si deve al ricercatore Silvio Di Eleonora, viene ricostruita dallo storico Sandro Galantini, nella prima parte del volume, la vicenda storica ed umana del centro collinare ma anche i rapporti che nel corso dei secoli la legarono ad altre realtà del territorio provinciale, la composizione della popolazione ed il suo andamento demografico tra Cinquecento ed Ottocento, il ruolo e l’incidenza degli organismi religiosi, della feudalità laica e delle classi sociali con la mobilità di ceto, la distribuzione della proprietà, le caratteristiche della campagna e del nucleo urbano. Un grande e intrigante affresco della Bellante di metà Settecento finalmente restituito alla comunità scientifica ed alla più ampia fruizione. 

Copertina-SG-copia

Guarda anche

Percorsi d’arte moderna: 122 opere per la 14ª edizione dell’asta della Fondazione Genti d’Abruzzo

Pescara – Centoventidue opere, tra grafiche e pezzi unici, raccolte e selezionate attraverso le donazioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 5 =