martedì , 27 Settembre 2022

PATRICIELLO RICORDA LE VITTIME DELLE FOIBE

“La tragedia delle Foibe sta lì a ricordarci l’importanza di costruire una memoria condivisa. I tragici fatti che avvennero in Istria, Dalmazia e Venezia Giulia tra il 1943 e il 1945 rappresentano una delle pagine più buie della nostra storia, non solo per quanto riguarda la cieca violenza che li ha contraddistinti ma anche e soprattutto per il colpevole silenzio che ne ha offuscato il doveroso ricordo. Ridare cittadinanza storica a quegli avvenimenti significa dunque rispettare i principi e i valori su cui si fonda la nostra Repubblica. Al di là di ogni vacua retorica e fuori da sterili contrapposizioni ideologiche, credo sia necessario fermarsi a riflettere sulle motivazioni storiche e politiche che alimentarono il furore nazionalista di quegli anni: una lezione che è bene tenere a mente soprattutto in un momento come questo in cui forti sono le spinte populiste e i tentativi di allentare i legami di solidarietà tra le nazioni. Oggi più che mai, quindi, commemorare il Giorno del Ricordo, vuol dire aver imparato dagli errori del passato e lavorare con costanza e dedizione alla costruzione di un’Europa più unita, più giusta e più solidale”.

 

 

 

Guarda anche

Giornate Europee del Patrimonio 2022 per gli studenti della Provincia dell’Aquila, l’evento ‘Il Cinema per la sostenibilità’

Nell’ambito delle ”Giornate Europee del Patrimonio 2022” dal tema “Patrimonio culturale sostenibile: un’eredità per il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 × uno =