sabato , 19 Settembre 2020

“L’eredità di una leggenda”, il nuovo testo di Lory La Selva Paduano

Abbiamo poto alcune domande all’autrice su questo testo e sulla sua attività letteraria.

– Le leggende spesso durano per sempre, o quantomeno per molto tempo, più della durata fisica. È un po’ il tema di questo libro, secondo te che ruolo hanno le leggende nell’umanità e in ognuno di noi?
– C’è sempre un piccolo eroe in noi. Immagino che dipende solo quanto piccolo o grande la causa, che per me, non ce differenza. Leggende rimangono nei nostri cuori a causa di questo. Questo libro è perciò è sicuramente orientato verso la abilty per vedere tutto abbiamo a cuore, famiglia e libertà per tutti. Un uomo in missione, che ha avuto una vita al di fuori della ribellione, che anche oggi non si sa, e da qui entra il fiction. Sto semplicemente toccando nel mondo di “quello che avrebbe potuto essere ” un prolungamento della sua vita se si vuole.
– A parte quelle del libro (Roma e Spartaco), a quale leggenda o leggende ti senti piu legata?
– Per essere onesti, io davvero non ho un modello di ruolo (se si vuole) una leggenda che mi affascina. Le storie sono scritte e detto perché hanno un enorme impatto sul mondo. Così abbiamo approfondire un’idea, noi abbracciamo un individuo che va oltre la sua chiamata, e lo facciamo come tale, a decorare l’ordinario, a volte. In fondo, siamo tutti radicati e investito in un’idea di grandezza, e di vivere a la creazione di un’idea di sorta, ci fa speranza, ci ringiovanisce, si comincia a gocciolare lentamente lungo un percorso di quello che possiamo realizzare se lavoriamo a questo . Ispirazione ed essere tale, è dentro ognuno di noi.
– Questo testo ha come sfondo l’antica Roma, quindi conferma la tua passione per il romanzo storico. Come ti sei avvicinata a questo genere?
– Da quando ero giovane, ho amato la storia profondamente, il romanticismo e aventure per me era solo un ulteriore bonus. So che il mondo ama una buona storia, con tutti gli elementi giusti causata da ciò che è intorno a noi nella creatività. Gli autori sono spesso chiamati a portare più al tavolo, e quindi, ho fatto quello che conoscevo meglio, ciò che mi spinge, ciò che contraddistingue il mio cuore in fiamme. Sono esperienze di vita e le persone del mio entourage che sono prevalentemente caratterizzato, e che svolgono un ruolo ho voluto che sarebbe, o che avrei voluto essere. E ‘una benedizione e una maledizione a volte, ad essere afflitto con queste idee di libri in ogni momento del giorno e della notte. Si chiama ed è uno devo sempre rispondere. Roma era una mera fantasia per me scrivere circa. L’ho fatto per soddisfare le mie idee di ciò che i film sono fatti di, questo è ciò che molti utenti hanno detto a me personalmente e sui social media. E ‘anche uno dei motivi reali che continuare a scrivere, il feedback è incredibile solidale e genunine.
– Da come si nota sei anche un’assidua lettrice. Secondo te che ruolo ha la lettura e la cultura in genere e come aiuta le persone a vivere meglio?
– Grazie per il complimento! A volte io non sono così maticulous, ma shhh! Questo è il nostro segreto! Haha! Penso che per la maggior parte, sapendo che cosa i vostri antenati erano, e come vivevano è utile in molti modi. Ha preso la scienza a livello completamente nuovo, abbiamo preso il buono e il cattivo in considerazione. Oggi le persone vivono più a lungo, grazie alla scienza e alla tecnologia. Nell’antica Roma, io e te non avrebbe vissuto superato l’età di cinquanta per gli standard e le indagini di oggi, se ci fosse stata, ma cittadini normali. Roma e la sua storia ha rivoluzionato il mondo, ha fissato è di per sé in fiamme, ha dato vita a movimenti poltical, che ci ha insegnato sulla guerra, la lingua, la democrazia come fecero i greci. Ci a umanizzato, e ci ha portato alla civiltà. Così dunque, per rispondere alla tua domanda in modo più accurato, ci ha dato un sacco di conoscenze per lavorare. Penso che per me, la tradizione, è così importante e abbiamo ancora porto quelle credenze in un ambiente più modernizzato. Cambia il modo in cui consideriamo il nostro mondo di oggi, quando diciamo per esempio; “Dovresti vedere cosae e la miseria! Chiedi mia suocera, quando nei suoi giorni più giovani i tedeschi occuparono l’Italia, e come hanno dovuto razionare il cibo” ci fa un po ‘più grato, e la comprensione di quanto lontano siamo arrivati come una società, e quello che abbiamo fatto dalla sua base.

Guarda anche

Al Kursaal di Giulianova presentazione di “Le api muoiono giovani” di Antonio Corradi

Venerdì 18 settembre, alle ore 21.00, sulla Terrazza del Palazzo Kursaal, verrà presentata la silloge …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 + 6 =