lunedì , 19 Aprile 2021

Forza Italia su macchina regionale: ‘Grande bluff, zero interventi’ VIDEO

“È una realtà che non mi sembra vogliano affrontare – ha affermato il consigliere regionale di Forza Italia, Mauro Febbo – oramai i dati negativi cominciano ad essere sin troppi e la Regione non interviene su nulla. Qualche tempo fa, all’inizio della legislatura, ci è stata presentata una situazione catastrofica rispetto al trasporto pubblico dove bisognava assolutamente fare questa società Tua perché la ex Arpa doveva portare i libri in Tribunale, poi veniamo a scoprire che abbiamo un buco enorme in Tua, 29 milioni di euro ai fornitori che non vengono pagati.
Ma la cosa allucinante è che questi debiti che furono cancellati perché si diceva che non erano esigibili, che erano falsi, improvvisamente ricompaiono nei Bilanci di Tua e vengono addirittuta transati. Non sappiamo che cosa sta succedendo per quanto riguarda i fornitori.
Una situazione drammatica e a dir poco scandalosa al governo delle istituzioni culturali dal Teatro Marrucino alla Giostra Cavalleresca al bimillenario ovidiano. Siamo arrivati al novembre del 2016 quando tutte le associazioni e le istituzioni culturali erano sull’orlo del fallimento, grazie alla nostra sollecitazione esce una variazione di Bilancio, vengono assegnati fondi, siamo a fine giugno e non ancora vengono assegnatii fondi del 2016, in Bilancio abbiamo zero per il 2017. Oramai la cultura in Abruzzo è al totale abbandono, ci permettiamo di spendere soldi per inaugurare un ponte che peraltro è di un’amministrazione comunale e abbiamo tutti i cantieri fermi, quelli famosi del Masterplan non decollano perché le convenzioni che venivano sottoscritte dal governatore D’Alfonso illegittimamente sono state bloccate, non vengono sottoscritte le nuove. I sindaci chiedono di poter utilizzare, dove ci sono, i ribassi d’asta per ultimare le opere o per apportare migliorie o per fare quegli interventi stradali per dare la vivibilità a questa nostra regione. Non si danno risposte, abbiamo accumulato richieste di fornitori e di terzi creditori per oltre 90 milioni di euro del Bilancio regionale.
È una situazione veramente drammatica, i dati lo sono ancora di più, addirittura dopo decenni cominciamo ad avere dati negativi anche per quanto riguarda l’export dell’Automotive e credo che veramente qualcuno stia facendo precipitare l’econoia di questa regione”.

“L’Abruzzo avrebbe almeno 140 milioni di euro dell’annualità passata – ha sottolineato il capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, Lorenzo Sospiri – fino ad adesso abbiamo speso zero, non ci sono movimentazioni per velocizzare questi iter dalle notizie che noi abbiamo, i Comuni stanno attendendo. La cosa che dispiace è che sono tutte risorse che potevano essere investite sulla bilancia economica della nostra regione per creare qualche posto di lavoro, un po’ di domanda interna spinta dai consumi e purtroppo siamo al palo. Infatti i dati della disoccupazione in Abruzzo sono persino peggiori dei dati italiani. È molto grave, continuiamo a perdere tempo e vogliamo dare una sveglia perché le opere devono partire. È un grande bluff perché ogni giorno ci sono annunci, però agli annunci non seguono i fatti e purtroppo l’annuncite ha una ricaduta estremamente negativa sulla nostra economia. Questo non è tollerabile perché l’emergenza lavoro è ancora la prima piaga della nostra regione.
L’onorevole Tajani ha annuciato 1 miliardo di euro per la ricostruzione e per le opere di messa in sicurezza e credo che l’Abruzzo abbia ampiamente i margini per poter conquistare quei soldi, o una quota di essi, se ovviamente dimostrerà la capacità di saper spendere già quelli che gli hanno dato, non bisogna accumulare le speranze senza riuscire a farle diventare mai certezze”.

 

Guarda anche

A Pescara dopo 8400 chilometri a piedi per combattere la sclerosi tuberosa – VIDEO

Pescara – La sclerosi tuberosa è un malattia genetica grave, che affligge nove persone su …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − 6 =