sabato , 24 agosto 2019
Home » Polis » Città » Approvato dalla Giunta regionale il calendario scolastico, in Abruzzo si torna a scuola dall’11 settembre

Approvato dalla Giunta regionale il calendario scolastico, in Abruzzo si torna a scuola dall’11 settembre

Le festività obbligatorie, oltre a tutte le domeniche, sono 1 novembre, 8 dicembre, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio, lunedì dopo Pasqua, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno, festa del santo Patrono. Nei seguenti giorni: 9,27,28,29 e 30 dicembre 2017; 2, 3, 4 e 5 gennaio 2018; 29,30 e 31 marzo 2018; 3 e 30 aprile 2018 è fissata la sospensione della attività didattiche.

Inoltre, nel calendario scolastico viene stabilito che, per l’anno scolastico 2017/2018, i giorni di attività didattiche nella scuola primaria e nella scuola secondaria di 1° e 2° grado sono 208 (207, nel caso che la festa del Santo Patrono coincida con un giorno in cui siano previste le attività didattiche).
Le Istituzioni Scolastiche, per far fronte alle esigenze derivanti dai rispettivi Piani dell’Offerta Formativa, possono definire eventuali adattamenti, debitamente motivati, del Calendario scolastico regionale, fermo restando il numero complessivo dei giorni di lezione fissati nel medesimo Calendario, nel rispetto di quanto disposto dal D.Lgs. n. 297/94 e dal D.P.R. n. 275/99, nonché delle disposizioni contenute nel CCNL del comparto scuola. Le Istituzioni Scolastiche sono tenute a comunicare tempestivamente il proprio calendario, debitamente approvato, agli studenti, alle loro famiglie e alle istituzioni preposte all’organizzazione del sistema scolastico e dei relativi servizi complementari. Il Calendario Scolastico 2017/2018 è scaricabile all’indirizzo: http://bura.regione.abruzzo.it/singolodoc.aspx?link=2017/Ordinario_34_5.html.

Guarda anche

Il Comune di Teramo aderisce alla rottamazione delle cartelle esattoriali

Teramo - Il Comune ha aderito alla definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento relative alle entrate comunali, la cosiddetta “rottamazione ter” e di conseguenza il Consiglio Comunale ha approvato lo specifico regolamento. I contribuenti hanno così la facoltà di estinguere i propri debiti attraverso il pagamento dell'importo residuo, al netto delle sanzioni e, per le multe al Codice della Strada, al netto degli interessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + sedici =