mercoledì , 2 Dicembre 2020

Settore giovanile del Cupello e Vigor Don Bosco al quadrangolare con il Foggia a San Giovanni Rotondo

Ben 75 ragazzi, accompagnati dal DG Giuseppe DI Francesco, dai presidenti Mazzarella e Giardino e alcuni istruttori dei rossoblu e della PGS Vigor Don Bosco, partiranno con due pullman da Vasto e Cupello per incontrarsi con altri giovani di altre 2 squadre e dar vita a un entusiasmante quadrangolare nella cittadina pugliese. Prima di scendere in campo ci sarà l’incontro con il responsabile del Foggia Settore Giovanile Elio Di Toro e l’agente Fifa Aldo Placentino. Al termine del torneo, in cui i ragazzi del Vastese avranno modo di confrontarsi con giovani appartenenti a settori giovanili all’avanguardia come quello rossonero, si partirà alla volta del Santuario di San Pio.

La Chiesa di San Pio fu commissionata dall’ordine dei frati minori cappuccini della provincia di Foggia, venne progettata dall’architetto italiano Renzo Piano e costruita dall’impresa Pasquale Ciuffreda di Foggia. L’opera è stata quasi completamente finanziata dalle offerte dei pellegrini.
L’interno misura 6000 m² ed è in grado di contenere 7000 persone, risultando una delle chiese con la maggior superficie in Italia.
Per l’innalzamento della struttura, si è resa necessaria la fondazione di un consorzio che riuniva al suo interno le aziende impegnate nella costruzione: il consorzio “Fabbrica della chiesa”.
La chiesa è stata inaugurata dinanzi a oltre trentamila persone il 1º luglio 2004, consacrata da mons. Domenico Umberto D’Ambrosio con la dedicazione a san Pio da Pietrelcina, dopo circa dieci anni di lavori.
La costruzione ha raccolto critiche, in quanto realizzata con stile contemporaneo e diversa dalle forme più canoniche di chiesa nell’immaginario collettivo (pianta a croce, o rettangolare, divisione in navate, decorazione interna).

Guarda anche

Pescara, esonerato Massimo Oddo

Pescara. La Delfino Pescara 1936 comunica di aver sollevato dall’incarico l’allenatore della Prima Squadra Massimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 4 =