martedì , 1 Dicembre 2020

Ambiente: 5 faggete vetuste abruzzesi riconosciute patrimonio dell’umanità dall’Unesco

Le faggete abruzzesi rientrano nel patrimonio Unesco “Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d’Europa”, riconosciuto nel 2007, ampliato nel 2011 con alcune foreste tedesche e ulteriormente allargato lo scorso luglio a foreste di altri 13 Paesi europei, tra cui l’Italia. Al riconoscimento hanno collaborato anche l’Università della Tuscia e la Direzione generale per la protezione della natura del Ministero dell’Ambiente.
Questa mattina a Pescara l’assessore ai parchi Donato Di Matteo, insieme al presidente della Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, Lorenzo Berardinetti, ha consegnato un riconoscimento al presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise Antonio Carrara, al presidente della Comunità del Parco Antonio Di Santo e ai sindaci di Villavallelonga, Lecce nei Marsi, Pescasseroli, Scanno e Opi.

“Nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise – spiega Di Matteo – sono stati individuati ben 5 nuclei di faggeta ricadenti in cinque comuni, siti che si contraddistinguono per l’elevata naturalità e per la specifica collocazione geografica lungo il crinale principale dell’Appennino. Proprio queste sono state le motivazioni che hanno convinto la commissione giudicatrice. Un risultato straordinario per la nostra Regione e per il territorio del Parco Nazionale, al quale va il riconoscimento per l’impegno profuso in questi anni. Un primato anche a livello nazionale, visto che è la prima volta che una foresta italiana viene inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità”.

Nel corso dell’incontro di questa mattina, è stato anche proiettato il video “Un albero, 365 giorni”, animali ripresi dalla telecamera nascosta nelle faggete del Parco d’Abruzzo. Il video riprende un faggio, del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, che gli animali sembra abbiano scelto come luogo di incontro e di passaggio prediletto. L’orso che vi si gratta la schiena, come Baloo del Libro della giungla, lupi che marcano il loro territorio e tanti altri animali, nel corso delle quattro stagioni. Con la neve che copre ogni cosa e anche con la folta vegetazione che attira i tanti erbivori che abitano le faggete vetuste. Il progetto multimediale si chiama Forest Beat ed è stato promosso dal Parco con i fotografi naturalisti Bruno D’Amicis e Umberto Esposito.

Guarda anche

Parco Nazionale della Majella e Anas insieme per impedire incidenti con la fauna selvatica

È stata avviata l’attività di installazione dei cartelli informativi, previsti dall’Azione C3 del progetto Life …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 4 =