lunedì , 11 dicembre 2017
Home » Culture » Cultura » Mostra all’Aurum di Pescara. L’immaginario 2: il mare. Poesia e arti visive

Mostra all’Aurum di Pescara. L’immaginario 2: il mare. Poesia e arti visive

Pescara –  53 Artisti e  39 poeti. Sono questi i numeri della mostra d’arte e poesia, organizzata all’Aurum di Pescara dall’Associazione Culturale “Incontro degli artisti”, dal 17 fino al 27 novembre.

Un’occasione unica per fare il punto non solo sullo stato dell’arte contemporanea in Abruzzo (e non solo), ma anche sulla poesia che sempre di più sembra essere diventato il mezzo di comunicazione per donne e uomini di tutte le età. L’associazione “Incontro degli artisti”, presieduta da Gianfranco Zazzeroni, è la realizzatrice di un evento giunto alla seconda edizione che ha già raggiunto una buona fama a livello nazionale e internazionale. Infatti, per questa edizione, è giunta la presenza di artisti di livello europeo e, con legittima soddisfazione, anche statunitense.

“Come sempre –spiega il Presidente Zazzeroni– sono stati premiati personaggi che hanno contribuito e contribuiscono alla valorizzazione della cultura e del territorio abruzzese, alle figlie e ai figli di questa terra che tengono alto il nome dell’Abruzzo, della sua cultura, delle sue tradizioni”.

I premiati di questa edizione, sono infatti la scrittrice e poetessa Nicoletta Di Gregorio che nell’occasione, è stata presentata dal critico letterario Dante Marianacci e, premio alla memoria al pittore Antonio Di Fabrizio la cui opera è stata presentata dal critico d’arte Bruno Paglialonga.

La mostra è stata presentata dal critico e giornalista Massimo Consorti, ed è stata patrocinata dalla Regione Abruzzo, dal Comune e dalla Provincia di Pescara, dal Comune di Montesilvano e con la collaborazione della Fondazione Pescarabruzzo.

All’inaugurazione è stato presente tra gli altri, il direttore dell’Aurum, Licio Di Biase.

 

         

Guarda anche

Magic 10 e lode, anche Termoli si arrende

Chieti. Decima vittoria stagionale per la Magic, che vince con la determinazione dei forti contro un Termoli che ha avuto unicamente il merito di non gettare la spugna e arrendersi quando sembrava ormai vicino al tracollo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − tre =