domenica , 24 giugno 2018
Home » Focus » Ambiente » D’Alfonso diffida al Ministro dell’Ambiente per mancata nomina di un rappresentante Abruzzo VIA-VAS

D’Alfonso diffida al Ministro dell’Ambiente per mancata nomina di un rappresentante Abruzzo VIA-VAS

Pescara- Il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, ha inviato, questa mattina, una diffida al Ministro dell’Ambiente per la mancata nomina del rappresentante della Regione Abruzzo nella commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale Via-Vas, istituita presso il Ministero dell’Ambiente.

“Preso atto del telegramma dell’arch. Francesco Chiavaroli e della mancata formalizzazione, ad oggi, della nomina del rappresentante della Regione Abruzzo, in seno alla commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale VIA-VAS istituita presso codesto Ministero in sostituzione dell’avv. Cristina Gerardis a distanza di oltre tre mesi dalla acquisita completezza documentale – scrive il presidente Luciano D’Alfonso – mi vedo costretto a diffidarLa a provvedere all’immediato insediamento del designato in seno alla Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale VIA-VAS istituita presso il Ministero da Lei diretto, al fine di consentire la legittima rappresentanza degli interessi ambientali di cui questa Amministrazione è ente esponenziale e l’efficace salvaguardia degli stessi ad opera di chi ha la conoscenza e l’esperienza necessarie in relazione alle diverse problematiche riferibili al territorio e/o al mare di questa regione ed attinte dagli interventi progettuali ricadenti in ambito abruzzese”.

Guarda anche

Nuova Pescara, il sindaco Maragno alla Regione: “Comuni esclusi dalla redazione della proposta di legge regionale”

Montesilvano - “Con rammarico prendiamo atto che sono rimasti inascoltati i molteplici appelli rivolti dai Sindaci e dai Consigli comunali, in particolare di Montesilvano e Spoltore, tesi a partecipare attivamente alla redazione di una nuova proposta di legge regionale che, nel risolvere le diverse criticità evidenziate nella PDL n. 206 del 2016, andasse a definire un percorso condiviso ed ottimale per l’attuazione della fusione di Pescara, Montesilvano e Spoltore. Infatti, non solo non siamo stati invitati a partecipare alla definizione del nuovo testo, ma non conosciamo neanche gli emendamenti presentati”. Inizia così la lettera a firma del sindaco Francesco Maragno indirizzata al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, al presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Di Pangrazio, al presidente della Prima Commissione consiliare, Maurizio Di Nicola, ai capigruppo del Consiglio Regionale e per conoscenza ai sindaci di Pescara e Spoltore. Mercoledì 27 giugno, infatti, si riunirà la commissione Consiliare “Bilancio, Affari generali e istituzionali” per l’esame degli emendamenti presentati alla proposta di legge per la istituzione della Nuova Pescara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + uno =