domenica , 24 giugno 2018
Home » Polis » Aziende » Aumento dei pedaggi, la Fita-Cna: ignorate le ragioni delle imprese

Aumento dei pedaggi, la Fita-Cna: ignorate le ragioni delle imprese

PESCARA – «La totale indisponibilità del concessionario “Strada dei Parchi SpA” a sospendere l’efficacia degli aumenti già in vigore per il 2018 sulle autostrade A24 ed A25 da e per Roma, emersa ieri sera, sembra vanificare gli sforzi compiuti in sede istituzionale tra il ministro dei Trasporti Delrio, i governatori di Lazio e Abruzzo Zingaretti e D’Alfonso, i sindaci dei territori interessati per arrivare a una proposta di mediazione».

Lo afferma il presidente regionale degli autotrasportatori aderenti alla Fita-Cna, Gianluca Carota, secondo cui «oltretutto, i resoconti di stampa confermano come nessun riferimento sia stato fatto ai problemi degli operatori dell’autotrasporto, che sarebbero stati tagliati fuori da parziali benefici concessi invece ai pendolari. Per parte nostra proseguiremo nei prossimi giorni lo stato di mobilitazione della categoria, con l’obiettivo di arrivare a una riduzione significativa del prezzo del pedaggio, destinato a incidere sui costi delle imprese in maniera insopportabile».

«Sono anni ormai – conclude Carota – che ci troviamo a lottare di fronte ad aumenti che penalizzano, con gli operatori del trasporto, anche l’intera filiera che fa riferimento alla movimentazione delle merci su gomma, dalla committenza ai destinatari. Che rischiano a loro volta di veder crescere i costi del trasporto».

Guarda anche

Nuova Pescara, il sindaco Maragno alla Regione: “Comuni esclusi dalla redazione della proposta di legge regionale”

Montesilvano - “Con rammarico prendiamo atto che sono rimasti inascoltati i molteplici appelli rivolti dai Sindaci e dai Consigli comunali, in particolare di Montesilvano e Spoltore, tesi a partecipare attivamente alla redazione di una nuova proposta di legge regionale che, nel risolvere le diverse criticità evidenziate nella PDL n. 206 del 2016, andasse a definire un percorso condiviso ed ottimale per l’attuazione della fusione di Pescara, Montesilvano e Spoltore. Infatti, non solo non siamo stati invitati a partecipare alla definizione del nuovo testo, ma non conosciamo neanche gli emendamenti presentati”. Inizia così la lettera a firma del sindaco Francesco Maragno indirizzata al presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, al presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Di Pangrazio, al presidente della Prima Commissione consiliare, Maurizio Di Nicola, ai capigruppo del Consiglio Regionale e per conoscenza ai sindaci di Pescara e Spoltore. Mercoledì 27 giugno, infatti, si riunirà la commissione Consiliare “Bilancio, Affari generali e istituzionali” per l’esame degli emendamenti presentati alla proposta di legge per la istituzione della Nuova Pescara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + tredici =