mercoledì , 17 gennaio 2018
Home » Culture » Cultura » Chieti, si alza il sipario sulla nuova stagione concertistica del Teatro Marrucino VIDEO

Chieti, si alza il sipario sulla nuova stagione concertistica del Teatro Marrucino VIDEO

Chieti. Torna la grande musica al teatro Marrucino. Classica, jazz, rock’n’roll. Dopo il successo dello scorso anno, si rinnova la collaborazione con l’associazione ArtEnsemble di Giuliano Mazzoccante, pianista classico, didatta e direttore artistico di lungo corso. 19 i concerti in programma, divisi tra foyer e sala grande, in cartellone fino a giugno. Importante la cornice …

Chieti. Torna la grande musica al teatro Marrucino. Classica, jazz, rock’n’roll. Dopo il successo dello scorso anno, si rinnova la collaborazione con l’associazione ArtEnsemble di Giuliano Mazzoccante, pianista classico, didatta e direttore artistico di lungo corso. 19 i concerti in programma, divisi tra foyer e sala grande, in cartellone fino a giugno. Importante la cornice storica della nuova stagione musicale, che è quella del bicentenario del teatro chietino.
“Cristiano Sicari ha definito questa seconda stagione come secondo anno di un esperimento ben riuscito – ha rimarcato il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio – io dico che al di la della qualificazione che vogliamo dare a quello che è successo con il progetto voluto da Giuliano Mazzoccante e che in parte ha condiviso con me nel gemmare di questa cosa, riconosco alla società civile l’evoluzione, la società ha compreso che la cultura ha bisogno di essere sostenuta perché il solo pubblico non può garantire sempre che si possa fare cultura ad alto livello. Quindi l’innesto di nuove realtà economiche in un contesto che però è quello della tradizione del nostro Teatro e della sua stagione concertistia, è un elemento di straordinaria qualità della società civile e di questo voglio essere anch’io il testimone di riconoscenza da parte di chi quest’anno, come l’anno scorso ha creduto in questa formula della stagione concertistica del Teatro Marrucino. È una nuova formula che però vede in qualche modo consapevoli e in qualche modo più soddisfatti la deputazione teatrale e chi l’ha sostenuta. Non chiediamo di avere nuovi mecenati che si fanno carico di tutta l’espressione e la produzione artistica del Teatro, ma chiediamo di avere una partcipazione che veda coinvolti in modo appassionato coloro che decidano di sostenere alcuni eventi del Teatro Marrucino e che lo sostengono di fatto che donano alla comunità una stagione concertistica di straordinaria qualità. C’è da essere orgogliosi di condividere ciò che è offerto da altri alla fruizione della città e di chi vorrà frequentare il suo Teatro. Abbiamo avuto molte presenze da fuori città, questo è motivo di vanto per chi ha organizzato di qualità che noi possiamo far amplificare. Questa stagione ci regala ancora elementi di elevato pregio con nomi importanti del panorama musicale e concertistico italiano e internazionale, la cosa a cui tengo di più è la condivisione del percorso con la partecipazione attiva di chi prima era solo spettatore degli eventi del nostro Teatro. Abbiamo assoluto bisogno di chi si faccia alleato nel promuovere la nostra cultura, ma dobbiamo avere l’obbligo morale di offrire un’opportunità di conoscere la cultura e l’arte teatrale all’interno del Teatro. Noi contiamo di raggingere non soltanto i numeri dello scorso anno, ma degli appassionati o che si appassionino per la prima volta a questa forma di concerto. Questi 19 concerto che potremo apprezzare al Teatro devono passare non solo per la grandezza di chi esegue le performance, ma anche per la grande capacità di saper leggere un’innovazione culturale che è quella della partecipazione dei privati alla realizzzione teatrale. Noi ci auguriamo che possa interessare anche le altre attività del Teatro Marrucino. Purtroppo la città si è impoverita di alcuni grandi promotori per la Prosa, oggi facciamo tutto con meno soldi, ma va detto che, nonostante le ristrettezze economiche, facciamo delle stagioni riconosciute anche al di fuori della nostra realtà cittadina. Il percorso mi sembra quello giusto e il di più ci consente di coltivare un Teatro Marrucino all’insegna delle tradizioni, ma capace di cogliere l’innovazione e con auspici positivi per il futuro”.
“Realizziamo la seconda stagione concertistica organizzata dal maestro Mazzoccante nella certezza di replicare e di migliorare i risultati della scorsa stagione – ha detto il presidente del Cda del Teatro Marrucino, Cristiano Sicari – un bell’esperimento che spero diventi strutturale all’interno della nostra organizzazione. Ci sono diversi benefattori a cui vanno i miei ringraziamenti sinceri e affettuosi ed un senso di ammirazione. Ringrazio anche il sindaco che è davvero la manifestazione plastica della vicinanza comunale al Teatro dimostrandosi come continua e costante risorsa prima che finanziaria morale. Inoltre formulo gli auguri al maestro Pellegrino che è stato nominato direttore artistico dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese”.
Il programma. L’inaugurazione, in pompa magna, sarà il 21 gennaio alle 18 quando il Marrucino ospiterà musicisti, attori e danzatrici: sul palco del teatro si esibiranno infatti Teresa Laera (violino), Antonio Tinelli (clarinetto) e il padrone della festa, Giuliano Mazzoccante (pianoforte). Parteciperà anche all’attore Massimo Di Michele, che per l’occasione torna a recitare nella sua città natale. L’appuntamento prevede una libera interpretazione dell’Histoire du Soldat di Stravinsky, a cento anni dalla prima rappresentazione. La musica si alternerà alla voce recitante, sottolineando i momenti più avvincenti del racconto. Non mancano le coreografie di Tiziano Di Muzio, con le danzatrici Elena Fogliano e Giorgia Nicolosi. Si passa poi a febbraio con i concerti nel foyer, sempre alle 18: sabato 3 spazio al duo svizzero Des Alpes, violoncello e pianoforte. Da non perdere l’appuntamento con la musica del sassofonista e compositore Piero Delle Monache (il 17 febbraio). A marzo toccherà al Quartetto Accademia (sabato 3) e agli Avos (il 17). Spazio anche ai The Fuzzy Dice (il 7 aprile) ed alcune giovani promesse della musica classica come Maria Miele, Primo Violoncello dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese (il 28 aprile). Il programma completo sarà pubblicato sulla pagina Facebook della ArtEnsemble e sul sito del teatro. Tra gli appuntamenti primaverili, in sala grande, segnaliamo inoltre: il Contemporary Vocal Ensemble e il M.edit Voices diretti da Angelo Valori, che proporranno un repertorio pop italiano ed internazionale rivisto in chiave soul/funk, insieme alle composizioni originali dello stesso Valori. Domenica 8 aprile sarà invece protagonista la musica di Chopin eseguita dal pianista russo Yuri Bogdanov, docente dell’Accademia Musicale Gnessin e del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca. Il 29 aprile Lino Patruno & His Blue Four renderanno omaggio a Joe Venuti e Eddie Lang, che negli anni ‘20 furono i primi ad inserire nel jazz il violino e la chitarra. Il 27 maggio torna nella sua città la flautista internazionale Rita D’Arcangelo, accompagnata al pianoforte dal giapponese Kensei Yamaguchi (Premio Monte Carlo Piano Masters). Il ciclo dei concerti in sala grande si chiuderà il primo luglio con Alexander Kobrin, vera e propria icona del pianissimo, già premio Busoni.
Un ringraziamento speciale agli sponsor Epica Srl, Adriatico Golf Clud Spa, Caffè Mokambo, Koba Costruzioni, Fondazione Immagine, Federfarma Chieti e Ordine dei Farmacisti della Provincia di Chieti. Info biglietti: intero 12 € e ridotto 8 € per i concerti in teatro. Posto unico a 7 € per i concerti nel foyer. Abbonamenti (intero 150€, ridotto 120 €), disponibili presso il botteghino del Teatro Marrucino in via C. De Lollis 10, sul sito www.teatromarrucino.eu e sul circuito Ciaotickets.
“Il Bicentenario è un’occasione che abbiamo per valorizzare tutte le professionalità che si trovano sul territorio e non – ha sottolineato il direttore artistico del Teatro Marrucino, Ettore Pellegrino – Giuliano Mazzoccante per me è un punto di riferimento sia come pianista che come organizzatore musicale, per cui sono felice di averlo nella squadra e che si occupi di questa rassegna. L’anno scorso ha avuto molti successi di pubblico, di critica, è riuscito a convogliare la cittadinanza sianel Foyer che nella sala grande del Teatro con una bella iniziativa e io spero che abbia la pazienza di rimanere con questo incarico vicino a me in questa avventura. Tutto nasce da un sano confronto, anche per quanto riguarda la Lirica ed il resto della programmazione del Teatro, il maestro Mazzoccante è una persona veramente competente ed io sono ed io sono contento e lieto di lavorare con lui e di cercare di dare il contributo migliore possibile a queta città”.
“Quest’anno grazie anche alla partecipazione di nuovi sponsor la stagione del Teatro Marrucino, in collaborazione con l’associazione ArtEnsemble che io presiedo – ha affermato il direttore artistico associazione Artensemble, Giuliano Mazzoccante – si potrà arricchire di personaggi talmente importanti che soo presenti nelle stagioni concertistiche di tutto il mondo, le più prestigiose. Quest’anno abbiamo ben 7 eventi in sala grnde e 12 nel Foyer del Teatro, per quelli del Foyer non dobbiamo pensare che siano concerti minori perché ci saranno artisti straordinari. Quindi quest’anno l’offerta artistica punta sicuramente sulla qualità e si impone come un’istituzione italiana importante anche perché molti di questi artisti hanno visto le immagini di questo Teatro via internet e sono rimasti affascinati, hanno detto chenon vedono l’ora di esere a Chieti. co saranno diversi grandi nomi della musica classica e non solo, nel Foyer abbiamo voluto fare anche qualcosa che valorizzasse le eccellenze del nostro territorio, ad esempio l’11 marzo avremo il maestro Angelo Valori”.

 

Guarda anche

Convenzione sulla mobilità di area vasta. Critici i comitati greenway ‘improvvisazioni  sull’emergenza inquinamento’

Pescara - Con un intervento che pubblichiamo integralmente i i comitati greenway nati a tutela della funzione sociale della strada parco criticano quanto emerso dalla riunione sulle strategie per combattere l’inquinamento atmosferico, estesa dal Comune di Pescara ai Comuni di Montesilvano, Francavilla, San Giovanni Teatino, Spoltore e Città Sant’Angelo per promuovere una strategia di area vasta sull’ambiente e sulla mobilità sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 4 =