lunedì , 17 giugno 2019
Home » Polis » Regione Abruzzo » La Giunta Regionale approva il documento che disciplina le cure domiciliari
Silvio Paolucci

La Giunta Regionale approva il documento che disciplina le cure domiciliari

Pescara – La giunta regionale, su proposta dell’assessore alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci, ha approvato il documento tecnico che disciplina le modalità di autorizzazione e accreditamento delle attività di cure domiciliari. Il provvedimento fa seguito alla modifica della normativa di riferimento (la legge regionale 32 del 2007), approvata dal Consiglio regionale lo scorso luglio.

“Il nostro obiettivo – spiega Paolucci – è promuovere un processo continuo di miglioramento delle prestazioni domiciliari, attraverso la presenza di figure professionali adeguate e potenziamento della formazione degli operatori, ma anche con l’adozione di modelli organizzativi e gestionali ben definiti, che saranno costantemente monitorati dalle Asl. Siamo tra le primissime Regioni in Italia ad aver avviato questo percorso, che va a completare la revisione complessiva di un settore importantissimo per l’assistenza, garantendo alle persone non autosufficienti e in condizioni di fragilità, la possibilità di usufruire di prestazioni sanitarie di migliore qualità, tutelando la continuità delle cure tra l’assistenza ospedaliera e quella territoriale a domicilio”. Il documento tecnico è stato elaborato dal gruppo di lavoro coordinato dall’Agenzia sanitaria regionale, a cui hanno partecipato oltre a funzionari delle Asl e della Regione, anche rappresentanti delle associazioni di categoria degli operatori sanitari e dei familiari dei pazienti. Gli ultimi dati disponibili sull’assistenza domiciliare, riferiti all’anno 2016, registrano in Abruzzo l’attivazione di 10929 percorsi di cure domiciliari per pazienti over 65.

Guarda anche

Emergenza cinghiali: Smargiassi (M5S) “Imprudente convochi un tavolo e inizi a intervenire”

L'Aquila - “Il momento delle parole è finito. Il governo di Regione Abruzzo deve aiutare i cittadini e trovare una soluzione ai problemi creati dai cinghiali, un pericolo per la nostra sicurezza e per il lavoro degli agricoltori”. Ad affermarlo è il Presidente della Commissione Vigilanza Pietro Smargiassi, che prosegue. “Siamo ormai abituati alle difficoltà che hanno, di volta in volta, i governi regionali nell’affrontare questo tema. Nella passata legislatura il centro sinistra approvò una delibera in materia che venne, poi, annullata nel giro di un mese dall’ex Presidente D’Alfonso. Mi sarei aspettato un cambio di passo col nuovo governo di centro destra. Nel corso della campagna elettorale il Presidente Marsilio ha incontrato le associazioni di cittadini, prendendo impegni a suon di slogan. Invece per adesso non si è visto niente di quanto promesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro + 19 =