giovedì , 18 ottobre 2018
Home » Focus » Cronaca » Pescara fugge un montone, la P.M lo restituisce al proprietario

Pescara fugge un montone, la P.M lo restituisce al proprietario

Polizia Municipale restituisce un montone al legittimo proprietario. Teodoro: “Si era allontanato dalla stalla, rintracciato grazie al microchip.

Da revisionare il regolamento comunale per allargare la tutela ad altri animali oltre quelli domestici”  

 

Pescara – Incontri ravvicinati con un montone stamane per il Nucleo Ambiente della Polizia Municipale corodinato dal comandante Carlo Maggitti e alla guida del maggiuore Donatella Di Persio. L’animale è stato segnalato nei pressi della rotonda di San Silvestro, dove la pattuglia si è recata per tentare un recupero, verificatosi all’interno di un appezzamento privato poco dopo la segnalazione. L’animale è stato subito ricondotto nella stalla regolarmente denunciata dal legittimo proprietario, che è stato individuato grazie al microchip di cui l’esemplare era dotato e che si trovava nella vicina via De Lollis, all’uomo è stata comunque comminata la sanzione per l’accaduto, come prevede la normativa.

 

“Voglio ringraziare il nucleo di intervento della Polizia Municipale perché ha agito anche per competenze che non gli sono espressamente riconosciute – così l’assessore a Polizia Municipale e Tutela del Mondo Animale Gianni Teodoro – I nostri agenti non solo hanno individuato l’animale, ma ne hanno individuato anche il proprietario. Resta però l’urgenza di adeguare il regolamento per la tutela degli animali che comprende solo tipologie domestiche e di compagnie e non altre specie, un compito che porteremo avanti perché venga estesa la casistica anche ad altri animali, considerato sia l’intervento di stamane che altri interventi che hanno riguardato altre specie”.

Guarda anche

Montesilvano, terzo incendio alla Chiesa SS Innocenti Martiri, Maragno: “Atto gravissimo, ora si individuino i responsabili”

Montesilvano - «Un secondo incendio alla chiesa SS Innocenti Martiri in 8 giorni è un atto di una gravità inaudita che colpisce tutta la comunità di Montesilvano e che impone una risposta forte a tutela della sicurezza dei montesilvanesi, innanzitutto individuando il responsabile di questo vile gesto». A dirlo è il sindaco Francesco Maragno, che questa mattina si è recato subito alla chiesa della zona tra Santa Filomena e Montesilvano Colle, colpita da un rogo certamente di natura dolosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + otto =