martedì , 25 giugno 2019
Home » Culture » Turismo » 11mln di euro a disposizione delle imprese turistiche abruzzesi

11mln di euro a disposizione delle imprese turistiche abruzzesi

Pescara – E’ di 11 milioni di euro il fondo messo a disposizione delle imprese turistiche abruzzesi, attraverso il rifinanziamento della legge 77 del 2000, che prevede interventi a sostegno delle aziende che operano nel settore. Il programma operativo 2018, il cui bando sarà pubblicato sul Burat nei prossimi giorni, è stato illustrato questa mattina a Pescara dal presidente vicario della Regione, Giovanni Lolli e dall’assessore al turismo, Giorgio D’Ignazio.

Obiettivo del piano è accompagnare gli investimenti finalizzati all’aumento degli standard di qualità e riguardano la riduzione del rischio sismico delle strutture; la sostenibilità ambientale, con l’utilizzo di tecnologie per l’efficientamento energetico e la riduzione dei consumi; l’accessibilità per i turisti con disabilità motorie e sensoriali; il riutilizzo del patrimonio edilizio esistente; la diffusione della cultura della qualità, con l’acquisizione di marchi di qualità riconosciuti a livello internazionale. Destinatari degli interventi sono gli alberghi con almeno 7 camere, le residenze turistiche alberghiere con almeno 7 unità abitative, gli alberghi diffusi, i campeggi e i villaggi turistici, le case per ferie, le residenze di campagna (come definite dalla legge regionale 75 del 1995), gli ostelli della gioventù, i rifugi montani ed escursionistici, gli stabilimenti balneari. Nella valutazione dei progetti sono previste premialità per i Comuni del Distretto del Gran Sasso, della Maiella Madre e Aree Interne. Ai centri dell’area Basso Sangro-Trigno, è invece riservata una quota di 2 milioni di euro del fondo, che in caso di mancato utilizzo, sarà utilizzata per finanziare iniziative sugli altri territori. “Nelle prossime settimane – ha spiegato Lolli – porteremo sui tavoli nazionali una serie di iniziative, delle quali abbiamo già parlato con il ministro. Vale a dire la definizione dell’applicazione della Direttiva Bolkenstein sulle concessioni balneari, che sta frenando gli investimenti da parte delle imprese per mancanza di certezze normative; un piano di investimenti per il rinnovo degli impianti di risalita in montagna; l’istituzione di un fondo di garanzia speciale a sostegno degli investimenti delle imprese turistiche”. D’Ignazio, invece, ha posto l’accento sull’importante opportunità che questo bando rappresenta per il settore turistico abruzzese. “Proprio per incentivare la presentazione delle domande – ha sottolineato – abbiamo già calendarizzato una serie di incontri specifici sul territorio, mentre gli uffici del Dipartimento Turismo della Regione, come sempre, saranno a disposizione degli operatori per fornire tutta l’assistenza nella predisposizione delle istanze”.

Guarda anche

Vertenza Terme di Caramanico “la Regione agisca in fretta”

Pescara - Questa mattina nella Sede del Consiglio Regionale si è tenuta la conferenza stampa sul "Termalismo abruzzese: Proposte e azioni per la soluzione della crisi del comparto di Caramanico Terme". Sono intervenuti Silvio Paolucci (Capogruppo Pd in Consiglio Regionale), Antonio Blasioli (Consigliere Regionale Gruppo Pd), Mario Mazzocca (Capogruppo Consiliare "Uniti per Caramanico") e Luca La Selva (Portavoce gruppo consiliare "Uniti per Caramanico") che hanno tracciato un quadro preoccupante per la vertenza che interessa le strutture termali di Caramanico..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − dieci =