martedì , 19 febbraio 2019
Home » Passioni » Food » Giulianova, il Comune aderisce al bando Feamp per il consumo del ‘pescato locale’ nelle mense delle scuole d’infanzia e primarie

Giulianova, il Comune aderisce al bando Feamp per il consumo del ‘pescato locale’ nelle mense delle scuole d’infanzia e primarie

Giulianova – Il Comune aderisce al bando Feamp, misura 5.68, che prevede l’assegnazione di contributi per il consumo del ‘pescato locale’ nelle mense delle scuole d’infanzia e delle primarie pubbliche.

“Il bando – specifica la vicesindaco con delega alla Pubblica istruzione Nausicaa Cameli – è riservato ai Comuni abruzzesi che potranno usufruire di un contributo massimo di 20 mila euro a progetto. L’obiettivo è quello di favorire l’approvvigionamento dei prodotti ittici delle marinerie locali. Si tratta dunque di un progetto di educazione alimentare, riservato ai nostri studenti, teso a tutelare la filiera corta del mare e quindi ad avvicinare il mondo della scuola alla marineria locale. Giulianova, è noto, ha un secolare e mai interrotto rapporto con il mare, con la marineria e quindi con i prodotti ittici, per cui abbiamo ritenuto opportuno, anzi necessario, aderire a questo progetto che oltretutto migliora il benessere alimentare dei bambini attraverso il consumo di prodotti del pescato locale”.
Ogni Comune potrà presentare una sola proposta progettuale relativa alle scuole dell’infanzia o primarie ricadenti nel proprio territorio. I progetti, secondo quanto specificato nel bando della Regione, dovranno infatti prevedere una duplice azione: la sperimentazione della somministrazione del prodotto ittico locale, cioè pesce azzurro, vongole, cozze e pesce povero, opportunamente trasformato, attraverso il servizio mensa, e attività formative di educazione alimentare idonee a preparare e accompagnare gli alunni al consumo del prodotto ittico.

Guarda anche

Passione pizza, indagine CNA: Abruzzo primatista nel rapporto esercizi/abitanti

PESCARA – Una pizzeria ogni 267 residenti. Va sorprendentemente all’Abruzzo il primato nazionale, tra le regioni, nel rapporto pizzerie/residenti. Lo dice una recentissima indagine, condotta dal Centro studi nazionale della CNA e da CNA Agroalimentare in occasione della Giornata mondiale della pizza, celebrata nei giorni scorsi. In questa speciale graduatoria, come illustra il rapporto diffuso dall’Ufficio stampa nazionale della confederazione artigiana, la nostra regione «precede Sardegna (un'attività ogni 273 abitanti), Calabria (285), Molise (307)» e perfino la patria d’origine della pizza, la Campania (335).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro + 19 =