mercoledì , 12 dicembre 2018
Home » Polis » Città » Strada parco, il cantiere incompiuto: i comitati greenway chiedono un sopralluogo alla Commissione ministeriale di Sicurezza

Strada parco, il cantiere incompiuto: i comitati greenway chiedono un sopralluogo alla Commissione ministeriale di Sicurezza

Pescara – “Sulla stampa locale è apparso un interessante resoconto in ordine ai disservizi che riguardano la manutenzione del parco mezzi vetusto in dotazione all’Azienda Unica dei Trasporti Regionali TUA S.p.A., stazione appaltante della Filovia di Pescara. Un quadro fortemente critico sulle condizioni di sicurezza del servizio essenziale, con i rischi conseguenti per l’incolumità degli autisti, i passeggeri e gli stessi addetti alla manutenzione” così in una notacongiunta i rappresentanti dei comitati greenway per la strada parco, Maurizio Biondi, Antonella De Cecco, Antonella Ciancaglini, Gianni D’Intino e Ivano Angiolelli .

“Nella sconfortante condizione data, –continuano i comitati– si inserisce in questi giorni la sollecitazione ripetuta del Ministero dei Trasporti orientata alla messa in esercizio a Pescara di una metropolitana veloce di superficie ideata su un’infrastruttura inesistente, segnalata alla Corte dei Conti come completa al 98% (ma quando mai!), attraverso l’impiego di nove filobus autosnodati “full electric” dal costo di acquisto di altrettanti milioni di Euro. Vettori caratterizzati da costi di gestione e manutenzione milionari, di entità insostenibile dalla gestione aziendale: in assenza sia di un bacino di utenza numericamente adeguato ai sistemi TPL della specie, sia dei parcheggi scambiatori mai progettati e realizzati, indispensabili a favorire l’avvento del servizio di trasporto pubblico a scapito dell’auto privata.

A riprova di ciò, la linea del 2/ che garantisce oggi il medesimo servizio della Filovia sull’adiacente lungomare, privo del parcheggio di scambio a Nord, conta poco più di 350mila passeggeri per anno, a fronte degli otto milioni di titoli di viaggio stimati da “CERVED” per mantenere in equilibrio la gestione economica dell’impianto. Quanti milioni per anno perderebbe TUA con l’avvento della Filovia di Pescara favorito dalla dirigenza tecnica del Ministero?
Un cogente elemento aggiuntivo di riflessione che i comitati hanno sottoposto all’attenzione della latitante Commissione ministeriale di Sicurezza, che confidano di incontrare al più presto a Pescara”.

Guarda anche

WiFi4EU: Teramo tra i primi 224 Comuni d’Italia finanziati

Teramo - Il capoluogoabruzzese è risultato Candidato Selezionato, a seguito della partecipazione all’iniziativa WiFi4EU, promossa dalla Commissione europea. L’iniziativa, pensata per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi per i cittadini negli spazi pubblici, fra cui parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, centri sanitari e musei, offre ai Comuni la possibilità di richiedere un buono per un valore di 15.000 euro. I buoni saranno poi utilizzati per installare apparecchiature Wi-Fi negli spazi pubblici in quei Comuni che non sono già dotati di uno hotspot Wi-Fi gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × cinque =