martedì , 20 agosto 2019
Home » Passioni » People » Lanciano, a 93 anni muore il partigiano Angelo Ciavarelli

Lanciano, a 93 anni muore il partigiano Angelo Ciavarelli

LANCIANO. E’ morto  all’età di 93 anni Angelo Ciavarelli, tra gli ultimi combattenti partigiani delle gloriose giornate del 5 e 6 ottobre 1943; presidente onorario dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia (Anpi) sez. Trentino La Barba di Lanciano. Nato a  Lanciano, il 6 settembre 1925, si iscrisse ad uno dei primi gruppi per organizzare la lotta contro il nazifascismo a Lanciano. Partecipò direttamente alla Rivolta ottobrina combattendo prima nella campagna Tupone e poi alle Torri Montanari.

Fin dal 1944 si  adoperò insieme agli altri partigiani per la costituzione della locale sezione dell’Anpi, nella quale ricoprì la carica di presidente per oltre quarantanni fino al 2007 per passare il testimone a Gianni Orecchioni e successivamente a Maria Saveria Borrelli, novità accolta con grande entusiasmo da  Ciavarelli, che da presidente onorario dell’associazione, condivise la scelta della presidenza con una donna. Ha continuato a lavorare attivamente nell’Anpi fino alla comparsa della dolorosa malattia, che lo ha accompagnato negli ultimi anni. Nell’anno 1981 è stato nominato Cavaliere della Repubblica Italiana. «Con la dipartita di  Angelo Ciavarelli se ne va un uomo, un padre, un nonno, un partigiano. Un allora ragazzo che decise, rischiando, di combattere per restituire la dignità e la libertà al suo e al nostro Paese». La presidentessa dell’Anpi ricorda l’esempio di  Angelo e dei tanti partigiani, affinché non vada perso e trasmesso alle nuove generazioni, a nome di tutta la sezione si stringe vicino ai suoi figli, Donatino, Maria Grazia e Corrado ed ai suoi cari nipoti che lo ricordano come un «grande nonno che ci ha insegnato il valore della libertà e della dignità.». I funerali di Angelo Ciavarelli, si terranno Lunedì 26 novembre c.m. nella chiesa di Santa Lucia alle ore 11,00.

Guarda anche

Ci lascia Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale

È scomparsa all’età di 75 anni Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale. Nata a Capestrano (L'Aquila) nel 1944, ha insegnato in Lombardia e in Liguria ed ha vissuto in Grecia. Ha partecipato a stages teatrali tenuti da Giorgio Albertazzi nella città di Volterra, dal 1996 al 1998. Per la sua attività letteraria ha conseguito premi e riconoscimenti, tra cui il Premio della Giuria del “Fiorino d’Oro”, il Premio “Giorgio Albertazzi”, il Premio Internazionale “Emigrazione” per il libro “Terre di Guerrieri”,  il Premio “Lettera d’Amore” per una lettera d’amore dedicata al Guerriero di Capestrano. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × due =