giovedì , 2 luglio 2020
Home » Passioni » People » Tutori volontari di minori stranieri non accompagnati, la formazione torna in Abruzzo
La Garante per l'infanzia, Filomena Albano

Tutori volontari di minori stranieri non accompagnati, la formazione torna in Abruzzo

La formazione per aspiranti tutori volontari di minori stranieri non accompagnati torna in Abruzzo. Da domani a domenica 2 dicembre la Casa della cultura di Onna (L’Aquila) ospiterà il nuovo corso organizzato dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia) con il supporto di Easo – Ufficio europeo di supporto all’asilo. L’obiettivo è trasmettere ai cittadini che si sono resi disponibili a svolgere l’incarico di tutore le competenze necessarie ad assolvere il ruolo nel rispetto della vulnerabilità legata all’età e al percorso di vita dei ragazzi.

“In Abruzzo – commenta la Garante Filomena Albano –  vivono 91 minori stranieri arrivati in Italia senza adulti di riferimento. Sono prevalentemente adolescenti di 16 e 17 anni, quasi tutti maschi. L’auspicio è che i candidati che avranno superato la formazione e confermato la propria disponibilità vadano a rafforzare il gruppo dei tutori volontari abruzzesi, cosicché ciascuno dei ragazzi possa trovare un tutore che gli faccia da guida e lo accompagni nel percorso di integrazione e inserimento nella comunità locale”. Dei 91 minorenni presenti nella regione al 31 ottobre il 37,4 per cento vive a Chieti, il 22 per cento a Teramo, il 20,9 per cento a L’Aquila e il 19,8 per cento a Pescara. La maggior parte proviene da Albania, Gambia, Bangladesh, Guinea e Costa d’Avorio.

Al corso di formazione di Onna prendono parte 24 cittadini, 17 dei quali sono donne. Quattordici vengono dalla provincia di L’Aquila, cinque da quella di Chieti e 5 da quella di Teramo. Si tratta del terzo percorso formativo organizzato nella regione dall’Agia in collaborazione con Easo dopo quello di Pescara di dicembre 2017 e quello di L’Aquila di febbraio scorso, che hanno già permesso di formare complessivamente 56 aspiranti tutori.

Guarda anche

Abruzzo Pride: Peschi, Commissione grandi eventi “nessuna discriminazione”

“Nessuna volontà di discriminare, soltanto la scelta di una diversa collocazione, comunque prestigiosa e non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 15 =