giovedì , 1 Ottobre 2020

Per la Coged una sfida insidiosa contro Casal de Pazzi

“Conosciamo bene Casal de Pazzi e quello che significa, il progetto tecnico che c’è dietro e il gruppo di ragazze giovani ma già molto forti che indossano quella maglia. Arriveremo lì con la solita cattiveria e con la testa interamente sulla partita di domenica, anche se ovviamente la sfida contro Orsogna, classifica alla mano, potrebbe essere considerata “la partita” di questa stagione e inevitabilmente un po’ già ci pensi, pur non volendolo. La nostra squadra è veramente forte, abbiamo un roster profondo e di qualità, mediamente giovane ma già con un buon livello di esperienza, per cui non sono sorpresa del nostro percorso finora, né sono sorpresa che Orsogna stia lì, ad un punto da noi. In una squadra così forte è difficile emergere e finora non ho visto molto il campo. Il mio legame con la Teatina è molto forte, anche grazie al ruolo che mi è stato dato nel settore giovanile, ma per quanto io sia felice di fare anche l’allenatrice e per quanto non veda l’ora che inizi il campionato della “mia” squadra (l’Under 13, prima giornata lunedì 10 dicembre), sono e mi sento ancora, prima di tutto, una giocatrice. Spero insomma che possa arrivare il mio momento e di poter contribuire maggiormente alla causa neroverde, in una squadra di cui sono orgogliosa di essere parte e che spero davvero continui a vincere e a convincere come abbiamo fatto finora. Sono pronta ad aiutare le mie compagne e a rispondere nel migliore dei modi quando verrò chiamata in causa”.

Guarda anche

Pescara – Chievo Verona 0-0, buon esordio dei biancazzurri in campionato

Pescara. Pareggio a reti inviolate all’Adriatico tra Pescara e Chievo Verona nella prima giornata del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + sedici =