lunedì , 21 gennaio 2019
Home » Sport » Unibasket Amatori Pescara alla ricerca della settima vittoria di fila

Unibasket Amatori Pescara alla ricerca della settima vittoria di fila

Pescara. L’Unibasket Amatori Pescara non vuole fermarsi. Il campionato si avvicina al giro di boa ed i ragazzi del presidente Carlo Di Fabio mettono nel mirino il primo obiettivo stagionale, la qualificazione alla FinalEight della Coppa Italia già centrata in epoca recente l’anno scorso e nel 2013-14. Per tagliare il traguardo, però, sarà necessario allungare …

Pescara. L’Unibasket Amatori Pescara non vuole fermarsi. Il campionato si avvicina al giro di boa ed i ragazzi del presidente Carlo Di Fabio mettono nel mirino il primo obiettivo stagionale, la qualificazione alla FinalEight della Coppa Italia già centrata in epoca recente l’anno scorso e nel 2013-14. Per tagliare il traguardo, però, sarà necessario allungare la striscia vincente che al momento è composta da sei successi consecutivi.
Il prossimo ostacolo di chiama GoldengasPall. Senigallia, una squadra ben attrezzata e reduce dal successo interno contro Campli per 92-55. Un avversario da prendere con le molle.
«Senigallia è una squadra molto competitiva, la sua classifica è un po’ bugiarda. Ha battuto Chieti e perso con San Severo solo al supplementare, ha perso un paio di partite che sembravano già vinte e che altrimenti l’avrebbero catapultata in classifica in una posizione ben più elevata di quella che occupa attualmente»: a parlare è coach Stefano Rajola, che non vuole cali di tensione o concentrazione nella sua truppa. «Il quintetto dei marchigiani a mio parere è molto esperto, dalla panchina escono dei giovani di ottima scuola che danno sempre il loro contributo. Noi dobbiamo tenere alta la tensione, è fondamentale. Se vogliamo stare in alto in classifica e mantenere un livello ottimale bisogna perdere poco, l’attenzione e la concentrazione negli allenamenti devono essere sempre massime ed ancor di più lo devono essere nell’approccio alle gare. Servono cattiveria, fame ed umiltà. Bisogna quindi avere fame di fare sempre di più, senza mai sentirsi appagati, e l’umiltà di mettere da parte le vittorie conquistate per avere la voglia di centrarne altre. Se si mette da parte l’umiltà e se si pensa di accontentarsi di quanto fatto, cullandosi sugli allori del secondo posto ad esempio, i trabocchetti sono subito dietro l’angolo. Se vogliamo restare lassù dobbiamo continuare a lavorare ed avere grande continuità di risultati».
Appuntamento per domenica al Pala Aterno Gas&Power di via Elettra per la dodicesima giornata. Palla a due fissata alle ore 18:00.

Guarda anche

Rotto l’incantesimo: la Tombesi torna a vincere a Ortona

Ortona. Mancava dal 3 novembre la vittoria casalinga per la Tombesi, bloccata per tre volte …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + venti =