lunedì , 21 gennaio 2019
Home » Polis » Aziende » Radio Parsifal sbarca in televisione e diventa la prima social tv in Abruzzo
Guido e Luciano Marrone

Radio Parsifal sbarca in televisione e diventa la prima social tv in Abruzzo

IN ONDA SUL CANALE 629 DEL DIGITALE TERRESTRE

E’ la prima in Abruzzo che rivoluziona l’ascolto della musica

PESCARA – Radio Parsifal sbarca in televisione e diventa la prima social tv in Abruzzo. Le trasmissioni musicali tradizionali, che da oltre quarant’anni hanno decretato il successo dell’emittente, si uniscono con i contenuti, le storie e i commenti più coinvolgenti degli utenti. Il risultato è una rivoluzione nel modo di fare televisione attraverso un palinsesto innovativo e partecipato, mai uguale a se stesso, ma che si intreccia e si modifica in base alle interazioni con i suoi ascoltatori, sempre più protagonisti attivi del mezzo.

Radio Parsifal social tv ha fatto il suo debutto sul canale 629 del digitale terrestre seguendo la stessa programmazione dell’emittente radiofonica. Dopo quarant’anni di successi ininterrotti e dopo aver suggellato la sua popolarità con la conquista del gradino più alto nella classifica degli ascolti giornalieri delle radio locali abruzzesi, adesso Radio Parsifal arricchisce ulteriormente la sua offerta e amplia il modello organizzativo aziendale. Oltre alla radio, che come sempre si può ascoltare in fm sulle frequenze 91.9 a Pescara, 98.1 a Chieti, 107.1 a Teramo e 103.7 sulla costa teramana, in streaming collegandosi al sito www.parsifal.it o tramite la app gratuita “Radio Parsifal”, adesso c’è la possibilità di ascoltare anche in televisione, sul digitale terrestre canale 629, la “Parsifal top 40”, la classifica dei quaranta maggiori successi suonati dalle radio, trasmessa in tre diversi momenti del giorno (ore 7, ore 13 e ore 19), e la “Hot 100”, ossia le cento canzoni del momento trasmesse la domenica pomeriggio (dalle 13 alle 19) senza interruzioni.

Ma la vera novità è la convergenza fra web e tv, possibile grazie a un’intuizione dell’editore di Radio Parsifal, Guido Marrone, che per primo ha scommesso sui risvolti sociali di un fenomeno in continua evoluzione, ma che in futuro è destinato a rivoluzionare l’ecosistema dei media. Grazie a un’app, in qualsiasi momento e da qualsiasi posto l’utente potrà effettuare delle mini dirette, scattare foto, girare video, fare una dedica di compleanno o mandare un videomessaggio. Con un semplice click i contenuti prodotti si potranno inviare a Radio Parsifal e saranno mandati in onda (in diretta o in differita, a seconda dei casi) sul proprio canale tv.

“Siamo i primi in Abruzzo a lanciare l’idea della social tv – spiega Guido Marrone – il connubio fra l’immediatezza e la freschezza dei social network e la popolarità del mezzo televisivo tradizionale diventa l’elemento centrale della nostra programmazione. Protagonista è il pubblico stesso, che da spettatore e ascoltatore passivo diventa un utente attivo: i contenuti diventano fruibili ovunque e contribuiscono a creare comunità. I tempi cambiano, i social media sono entrati a far parte delle nostre vite e sono diventati un elemento fondamentale per l’intrattenimento, l’interazione e la comunicazione. La sfida sta nella possibilità di riuscire a rinnovare una radio divenuta il simbolo dell’Abruzzo senza sradicarne la sua anima, portandola in tv e contemporaneamente integrandola con i nuovi mezzi di comunicazione, riuscendo a calamitare il pubblico in un’ottica di condivisione di contenuti”.

“Dopo un’entusiasmante avventura che dura ininterrottamente da 40 anni – aggiunge Luciano Marrone, fondatore e direttore responsabile dell’emittente – abbiamo intrapreso una nuova sfida, pensando che Radio Parsifal saprà gestire questo ulteriore progetto. Saremo la prima radiovisione abruzzese e per di più andremo in onda in maniera interattiva. Chi più di noi, sulla cresta dell’onda da 40 anni, visto che siamo la radio che fa più musica e meno bla bla bla”.

Guarda anche

Presentato a S. Omero il “GAL Terreverdi Teramane” al suo interno 21 comuni della provincia di Teramo

S. Omero - L’Assessore Pepe esprime soddisfazione per questo risultato che porterà, grazie al Piano di Sviluppo Rurale, oltre 6 milioni di euro da investire sul territorio provinciale mediante i GAL. Si è tenuta questa mattina, nella splendida cornice di Villa Corallo a S. Omero, la presentazione ufficiale del “GAL Terreverdi Teramane” che vede, al suo interno, ben 21 comuni della provincia di Teramo (Alba Adriatica, Ancarano, Bellante,  Castellalto,  Cellino  Attanasio,  Colonnella,  Controguerra,  Corropoli,  Giulianova, Martinsicuro, Morro D’Oro, Mosciano Sant’Angelo, Nereto, Notaresco, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Sant’Egidio alla Vibrata, Sant’Omero, Silvi, Torano Nuovo e Tortoreto) ed un partneriato diffuso e qualificato, con la CIA, Confedeazione Italiana Agricoltori di Teramo-L’Aquila, in qualità di capofila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + 6 =