mercoledì , 15 luglio 2020
Home » Focus » Meteo » Silvi, il comune si dichiara pronto ad affrontare le nevicate

Silvi, il comune si dichiara pronto ad affrontare le nevicate

Il piano antineve, predisposto dal sindaco Scordella sin dal mese di ottobre è stato messo a punto nei giorni scorsi e definito nei minimi particolari nel summit tenutosi questa mattina in Comune presieduto dal vice sindaco Fabrizio Valloscura , in assenza del sindaco, con la partecipazione del responsabile tecnico del Servizio manutentivo Carlo Durante. Sono sei i mezzi pronti a entrare in azione: un mezzo spargisale e ben cinque mezzi spazzaneve che fin dal pomeriggio saranno pronti a intervenire nelle zone collinari e a Silvi Paese. Alle 18 inizierà la reperibilità per tutti gli operatori coinvolti nel Piano neve. Nel frattempo è stato allertato anche il COC (Centro operativo comunale) che è in stretto e continuo contatto con il Centro operativo della Regione Abruzzo e le locali sezioni di Protezione civile e Croce Rossa. “Stiamo lavorando – ha detto il vicesindaco Valloscura – per evitare disagi e problemi alla circolazione stradale interna e ai cittadini mettendo in atto tutte le azioni previste nel Piano neve, integrandole con le iniziative pratiche che abbiamo individuato in ogni particolare questa mattina. L’Ufficio Manutentivo comunale da questo pomeriggio sarà in allerta e in reperibilità continua con gli uomini e i mezzi immediatamente disponibili”.

 

Numeri utili di riferimento :

  • dalle 8:00 alle  18:00 del 03/01/2019 e del 04/01/2019 CENTRO SERVIZIO MANUTENTIVO DEL COMUNE DI SILVI  0859357332
  • dalle ore 18:00 del 03/01/2019 alle 08:00 del 4/01/2019 e dalle ore 18:00 del 04/01/2019 alle 08:00 del 05/01/2019  COPRO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE SILVI  085930035 /  3288791212

Guarda anche

Maltempo, il governo nega il riconoscimento dello stato di emergenza per la grandinata di luglio scorso

Pescara - Il Dipartimento di Protezione Civile ha notificato alla Regione Abruzzo il diniego al riconoscimento dello Stato di emergenza, e quindi di contributi statali, per i danni provocati dalla eccezionale grandinata del 10 luglio scorso. Secondo la Protezione Civile, nonostante i plurimi sopralluoghi effettuati nei comuni maggiormente colpiti, i danni riscontrati possono e devono essere affrontati con le ordinarie risorse degli Enti locali interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + quattro =