mercoledì , 17 luglio 2019
Home » Polis » Politica » Il presidente dell’associazione Abruzzo Cuore D’Italia scrive al neo governatore Marsilio

Il presidente dell’associazione Abruzzo Cuore D’Italia scrive al neo governatore Marsilio

Pescara. “Mi consenta, innanzitutto di porgerLe i miei e della associazione più sentiti auguri per il gravoso ruolo che si accinge a rivestire in un periodo storico difficile e tra i più disastrosi sotto l’aspetto amministrativo, economico e sociale e che ha visto scadere, giorno dopo giorno, la politica sotto l’aspetto gestionale, etico e morale …

Pescara. “Mi consenta, innanzitutto di porgerLe i miei e della associazione più sentiti auguri per il gravoso ruolo che si accinge a rivestire in un periodo storico difficile e tra i più disastrosi sotto l’aspetto amministrativo, economico e sociale e che ha visto scadere, giorno dopo giorno, la politica sotto l’aspetto gestionale, etico e morale lasciando gli Enti Locali abbandonati a sé stessi pervasi da un forte senso di solitudine e di impotenza”.
Lo scrive Francesco Longobardi in una nota indirizzata al nuovo presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, che prosegue: “Sono il presidente dell’associazione Abruzzo Cuore D’Italia, una realtà sociale che non necessita di grandi definizioni per essere descritta, poiché si narra da sola con la sua storia e il suo vissuto che gravano sulle nostre spalle e sulla nostra quotidianità impedendo un reale progresso socio-culturale, ma soprattutto economico. Cultura ed economia vanno di pari passo.
Ricoprendo Lei la carica Senatore, sicuramente saprà riconoscere con la giusta sensibilità e senso di responsabilità le necessità e le difficoltà che la nostra Regione, giorno dopo giorno, deve affrontare in ordine di emergenze. Prime fra le tante le Infrastrutture, i trasporti, la sanità e l’occupazione.
Io personalmente, per questo La prego di tenere in considerazione la possibilità di cancellare gli errori di chi l’ha preceduta, tenendo conto, soprattutto che ogni comune abruzzese vive nelle massime ristrettezze e le difficoltà a mantenere le esigenze sociali ed economiche delle famiglie sempre più povere, mettendo loro con le spalle al muro e, come lei già sa, a farne le spese sono sempre i cittadini.
La prego ancora, di voler considerare tra le sue priorità le problematiche espresse, con l’auspicio che le azioni future e le scelte che effettuerete per conto della collettività recheranno sin da subito un segnale reale di svolta all’insegna del cambiamento nel pieno rispetto delle regole e della legalità con il sostegno della Regione”.

Guarda anche

Pescara, passaggio di consegne finanziarie di Tesoreria: Alessandrini  “Comune al collasso risanato in cinque anni. Lasciamo conti positivi e niente debiti”

Pescara - Nel pomeriggio di oggi, il sindaco uscente di Pescara Marco Alessandrini, ha proceduto all’avvicendamento formale anche per la Tesoreria dell’Ente. Un passaggio avvenuto in Comune con la verifica straordinaria di cassa e della gestione del servizio di Tesoreria, come il Decreto legislativo n. 267 del 2000 impone, fatta sulla base dei documenti bancari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 + diciassette =