martedì , 25 giugno 2019
Home » Focus » Ambiente » Pino capitozzato a Spoltore . Il Co.n.al.pa. “Un cimelio della capitozzatura selvaggia”

Pino capitozzato a Spoltore . Il Co.n.al.pa. “Un cimelio della capitozzatura selvaggia”

Spoltore – “A Spoltore  c’è un grande pino capitozzato e morente, a pochi passi dal centro storico su Via Luigi Pirandello, all’imbocco con Via Dante Alighieri. La visione è sconvolgente perchè si vede tutta la sofferenza di un essere vivente ormai al collasso con tutti i rami tagliati e trasformato in un mostro. Un pino sagomato a cono tramite una selvaggia capitozzatura, forse scambiato per un cipresso, tentando di creare qualcosa che non appartiene alla fisiologia di questa pianta”. Così il Co.n.al.pa. che considera questa “potatura” uno dei più rovinosi interventi di distruzione di un albero.

Chi ha compiuto questo lavoro non conosce affatto l’arboricoltura, le basilari regole della potatura, il rispetto per gli esseri viventi, per la natura e per il territorio“, spiega la coordinatrice del Co.n.al.pa. Pescara Annalisa Petrucciani, “La nostra associazione sta lottando da anni contro la capitozzatura e i tagli selvaggi sugli alberi. Ci è stato riferito che questo albero è agonizzante da molto tempo, ormai spacciato e incapace di rigenerarsi. Una volta capitozzato il pino, mancando di gemme avventizie, muore totalmente in ogni sua parte. Come già ampiamente illustrato in tante altre occasioni  questi interventi rovinano il paesaggio, creano disagio psicologico nei cittadini, rovinano l’offerta turistica, producono abbattimento del valore degli immobili, creano danni ecologici con perdita dei servizi ecosistemici degli alberi. Come associazione stiamo facendo una mappatura di questi scempi ambientali e chiediamo a gran voce che venga fermata al più presto questa mattanza intollerabile e incivile.”

 

 

Guarda anche

Pepe all’attacco sulla sospensione degli abbattimenti dei cinghiali in provincia di Teramo -VIDEO

L’Assessore Imprudente ha confermato che il Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca, dallo scorso febbraio, ha sollecitato più volte la Provincia di Teramo per chiedere il motivo dell’interruzione dell’attività di controllo dei cinghiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − quindici =